Infezioni sessualmente trasmesse - cause, vie di trasmissione, come evitare


18 Feb 2021 03:54 Qualità della vita


Infezioni sessualmente trasmesse - cause, vie di trasmissione, come evitare

Le cause della trasmissione delle infezioni

L’espressione Infezioni Sessualmente Trasmesse sono un vasto gruppo di malattie infettive che si trasmettono prevalentemente durante il rapporto sessuale sia penetrativo (vaginale, anale), che oro-genitale e oro-anale; e sono molto diffuse in tutto il mondo; alcune di queste si trasmettono anche mediante il solo contatto sessuale non penetrativo.

Le Infezioni Sessualmente Trasmesse, sono causate da agenti microbici quali batteri, virus, protozoi, miceti e parassiti cutanei che possono rendere meno piacevole l’attività sessuale, rendendo ogni rapporto non protetto un rischio per la salute a breve e lungo termine.

Come si manifesta una infezione sessualmente trasmessa

Si manifestano con sintomi o segni locali o generali, ma possono decorrere con modalità del tutto asintomatica. Un adeguato trattamento consente la guarigione completa di buona parte delle infezioni. Alcune di queste, se non diagnosticate e trattate, possono dar luogo a infertilità, gravidanze ectopiche, tumore della cervice uterina, stenosi uretrali o coinvolgere altri organi. Inoltre se vengono contratte in corso di gravidanza, possono essere trasmesse al feto con conseguenti ripercussioni sul nascituro.

Vie di trasmissione

  • Rapporti sessuali (la più frequente)la trasmissione avviene sia con il rapporto omosessuale che eterosessuale mediante il contatto diretto tra le secrezioni genitali ed il contatto diretto fra le lesioni cutanee/mucose di una persona affetta e la cute o le mucose della regione genitale, anale e orale del partner. Questa via di trasmissione è comune a virus (HIV, HBV, Papillomavirus, Herpes simplex tipo 1 e 2), batteri (Treponema pallidum, Neisseria gonorrhoeae, Chlamydia trachomatis e Mycoplasmi) e alla pediculosi del pube.
  • Contatto con sangue infetto, la trasmissione avviene per contatto della cute lesionata con sangue infetto. Ciò si può verificare mediante lo scambio di siringhe o strumenti invasivi non sterilizzati (ad esempio per la pratica di tatuaggi e piercing). Queste vie di trasmissioni valgono in particolar modo per i virus (HIV, HBV, HCV...).
  • per contatto diretto con biancheria contaminata, come nel caso di pediculosi del pube e della scabbia. Si trasmettono per contatto diretto o attraverso biancheria, lenzuola, asciugamani, o altri veicoli, utilizzati da poco da una persona infestata.

Come evitare una infezione sessualmente trasmessa

Nella maggior parte dei casi Il preservativo costituisce lo strumento più efficace per ridurre il rischio di contrarre la maggior parte delle infezioni a trasmissione sessuale. L’effetto di droghe e alcol può abbassare la soglia di attenzione e di autotutela, specie nel momento del rapporto sessuale: si possono così sottovalutare i rischi e avere rapporti sessuali occasionali non protetti esponendosi alla possibilità di trasmissione di infezioni.

Per evitare di incorrere inavvertitamente in tracce di sangue infetto, è da evitare l’utilizzo promiscuo, di rasoi, forbici, spazzolini da denti e altri oggetti in grado di penetrare la cute o determinare lesioni delle mucose.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Ti è piaciuto questo contenuto?

Approfondimenti

Argomenti correlati HIV MST herpes malattie sessualmente trasmesse

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.