Oltre 2 milioni gli italiani con psoriasi


06 May 2019 05:11 Rassegna stampa


La psoriasi colpisce il 3% della popolazione mondiale e nel 10-20% dei casi si presenta in forma grave o medio-grave. In Italia soffre di questa patologia autoimmune il 3-4% della popolazione pari a circa 2,5 milioni di persone.

“La psoriasi - spiega Piergiacomo Calzavara Pinton, presidente della Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle malattie sessualmente trasmesse (SIDeMaST) - è una malattia della pelle molto diffusa, e colpisce ad ogni età. Ha un andamento cronico con recidive, e si presenta prevalentemente con una forma che colpisce le superfici estensorie dei ginocchi e i gomiti o la testa, ma in altre persone può estendersi a tutto l’ambito cutaneo, in altre può essere limitata solo alle palme e alle piante dei piedi”. “La psoriasi è una malattia non infettiva né contagiosa - avverte Ketty Peris, direttore Dermatologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma - ma è una patologia infiammatoria cronica, mediata dal sistema immunitario.

La forma più frequente, la cosiddetta psoriasi a placche, viene detta lieve quando prende meno del 10% della superficie corporea, moderata-severa quando ha un 'Pasi' (sistema che si utilizza per valutare la gravità della malattia) maggiore di 10”. “Oggi - afferma Francesco Cusano, presidente dell'Associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi) - l’obiettivo che si cerca di perseguire con i farmaci moderni è di ottenere una pelle completamente pulita. In questo ambito gli ultimi ritrovati sembrano estremamente promettenti e fra pochi mesi, quando saranno a disposizione di tutti, potranno sicuramente darci una grossa mano nell’ottenere risultati permanenti e duraturi nel controllo di questa patologia”.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteAdnKronos
Titolo originaleOltre 2 milioni gli italiani con psoriasi
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati psoriasi

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.

Ti è piaciuto questo contenuto?