Melanoma, la dieta può avere un impatto sulla risposta all'immunoterapia


09 Apr 2019 03:34 Rassegna stampa


I pazienti con melanoma che consumano una dieta ricca di fibre potrebbero avere una migliore risposta all’immunoterapia, secondo quanto afferma una ricerca sulla correlazione tra le caratteristiche del microbioma intestinale e le risposte immunoterapiche nei pazienti con cancro, presentata al Meeting Annuale AACR 2019 da Christine Spencer, ricercatrice al Parker Institute for Cancer Immunotherapy, e svolta in collaborazione con i colleghi dell'Università del Texas MD Anderson Cancer Cancer Center.

Il 20% al 30% dei pazienti risponde al blocco dei checkpoint immunitari. Secondo una precedente ricerca, il microbioma intestinale, ‘trilioni di microbi che vivono nel intestino’, gioca un ruolo importante nella regolazione del sistema immunitario. I ricercatori hanno trovato che i pazienti con melanoma che avevano un microbioma intestinale diversificato, ricco di batteri della famiglia delle Ruminococcaceae, hanno risposto favorevolmente alla terapia anti-PD-1. I pazienti con più bassa diversità hanno mostrato una ridotta risposta. Coloro che seguivano diete ad alto contenuto di fibre, tra cui frutta, verdura e cereali integrali, avevano una probabilità circa 5 volte maggiore di rispondere all'immunoterapia anti-PD-1. E oltre il 40% dei pazienti ha affermato di aver assunto probiotici prima di iniziare la terapia. In sintesi, ha spiegato Spencer, cibi e integratori diversi possono influenzare la risposta del paziente all'immunoterapia e ora sta cercando di convalidare i risultati in coorti più grandi.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FontePharmastar
Titolo originaleMelanoma, la dieta può avere un impatto sulla risposta all'immunoterapia
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati melanoma dieta

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.

Ti è piaciuto questo contenuto?