Giornata mondiale sicurezza alimentare: cibo non sicuro causa malattie in 600 mln di persone


24 Jul 2019 12:00 Rassegna stampa


L’Assemblea generale delle Nazioni Unite, lo scorso 12 dicembre 2018, ha proclamato il 7 giugno Giornata Mondiale della sicurezza degli alimenti. Un'occasione per celebrare i benefici del cibo sano e sicuro e opportunità per tutti di riflettere su qualcosa che spesso diamo per scontato: la sicurezza degli alimenti.

Il cibo non sicuro causa, nel mondo, malattie che colpiscono ogni anno circa 600 milioni di persone e rappresentano un grave onere per la salute umana, in particolare per i bambini e le persone che vivono in regioni a basso reddito, con ingenti costi economici.

Obiettivo della giornata è promuovere la corretta informazione dei cittadini e la consapevolezza sugli aspetti di sicurezza e affidabilità del nostro sistema ufficiale dei controlli sugli alimenti, con particolare attenzione alle conseguenze degli alimenti non sicuri sulla salute a livello globale. “L’Italia – commenta il Ministro della Salute, Giulia Grillo - , con le diverse articolazioni, Ministero della Salute, Regioni, Aziende Sanitarie Locali, servizi veterinari e di igiene degli alimenti, Istituto Superiore di Sanità e Istituti Zooprofilattici Sperimentali, dispone di un’eccellente organizzazione, a garanzia della sicurezza degli alimenti lungo tutta la filiera, dai campi alla tavola, e della salute dei cittadini italiani, europei e dei Paesi destinatari delle numerose esportazioni nel settore agro-alimentare.

Questa attività è, inoltre, potenziata dall'attività dei Carabinieri per la tutela della salute (NAS) che contrastano e reprimono i reati contro la salute pubblica, tra cui anche quelli alimentari”.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteQuotidiano Sanità
Titolo originaleGiornata mondiale sicurezza alimentare. Cibo non sicuro causa malattie in 600 mln di persone. Grillo: “Italia è eccellenza”
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati alimentazione

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.

Ti è piaciuto questo contenuto?