Bruxelles spinge su cartelle cliniche online accessibili nei 28 Paesi Ue


21 Mar 2019 07:43 Rassegna stampa


Rendere le cartelle cliniche accessibili online in tutti i Paesi Ue, per facilitare le cure in caso di incidente o malessere quando ci si trova all'estero, ma anche per ridurre i costi della sanità e spingere la ricerca medica.

È l'obiettivo delle raccomandazioni proposte dalla Commissione Ue per ampliare il registro sanitario digitale dei cittadini europei, già in uso, ma solo in alcuni Paesi per le ricette mediche elettroniche.

La proposta estende la possibilità di accesso alle informazioni sanitarie dei cittadini europei quali analisi, certificati ospedalieri e referti medici per immagini come radiografie o Tac, nel rispetto delle regole Ue sulla privacy. Lo scopo è migliorare tempestività e accuratezza delle cure, evitare il ripetersi di esami come le radiografie riducendo i costi e, solo per chi dà esplicito consenso, fornire nuovi dati alla ricerca sulle malattie neurodegenerative. I Paesi che aderiscono al registro sanitario online (al momento sono 22 tra cui l'Italia) si coordineranno per stabilire le linee guida pratiche per la sua messa in atto.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteAnsa
Titolo originaleBruxelles spinge su cartelle cliniche online accessibili nei 28 Paesi Ue
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati registro

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.

Ti è piaciuto questo contenuto?