Cosa è successo ai pazienti con psoriasi nei mesi del COVID-19


30 - 30 set 20


Iscriviti ora

La psoriasi è una patologia cronica cutanea caratterizzata, in tutte le sue forme cliniche, da una elevata incidenza e da numerose comorbidità nelle forme più gravi.

La gestione di questa patologia e delle sue numerose comorbidità, ha tratto enorme giovamento, negli ultimi 20 anni, dalla terapia con farmaci biologici.

Nel momento della massima diffusione dell’infezione da COVID-19 (marzo-aprile 2020) si è creata una grande confusione mediatica, anche da letteratura pseudoscientifica, che si andava a sommare alla fisiologica e legittima paura per una pandemia di dimensioni a noi fino a quel momento ignote.

La maggior parte dei pazienti con psoriasi in trattamento con farmaci biologici era impaurita ed insicura; la terapia con biologico rappresentava per loro una conquista che li aveva liberati dalle stigmate di una malattia inguaribile ma se aumentava il rischio di contrarre l’infezione?

Il compito del dermatologo - a sua volta non certo experienced al riguardo! - dei vari ex centri “PsOcare” è stato quello di rassicurarli sulla base della personale esperienza, della letteratura che andava via via aumentando al riguardo e delle linee guida delle società scientifiche (SIDeMast).

E’ stato attivato un follow-up telefonico e la telemedicina; una linea telematica dedicata ha permesso di seguire gli esami ematochimici di pazienti “fragili” e/o con comorbidità elevate.

Durante questo periodo è stato effettuato uno studio osservazionale multicentrico in 33 centri specialistici italiani, promosso da SIDeMast.ono stati presi in esame circa 13.000 pazienti affetti da psoriasi e in trattamento con tutti i tipi di biologici approvati per questa patologia, per valutare la reale incidenza dell’infezione da COVID -19 in questa popolazione.

I risultati di questo studio, hanno dimostrato che meno del 5% dei pazienti ha interrotto il trattamento per lo più autonomamente, senza consultare lo specialista di riferimento. Il criterio dominante nel mantenere o meno un trattamento con biologico, rimane senz’altro la valutazione globale del singolo paziente, considerando le comorbidità e i fattori di rischio.

La tempestiva riorganizzazione della tipologia assistenziale (telemedicina, web, etc) in questo peculiare momento storico ha fatto sì che il paziente non percepisse un abbandono terapeutico e ha consentito una progressiva ripresa dell’attività assistenziale specialistica.

Iscriviti ora

Dettagli del corso

Docenti del corsoProf.ssa Ketty Peris – Prof. Giampiero Girolomoni
Crediti formativi1,8
Destinatari del corsoDermatologia e venereologia, Allergologia ed immunologia clinica, Malattie infettiva, Medicina del Lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro, Medicina Generale (Medici di Famiglia), Reumatologia;
Costo del corso FAD per i socigratuito
Costo del corso FAD per i non soci (o soci non in regola)gratuito

Iscrizione al corso

Iscriviti al corso FAD

Al PRIMO accesso alla piattaforma FAD è necessario creare un account, successivamente si potrà iscriversi ai corsi FAD.

Se si è già creato un account per un corso precedente NON bisogna crearne uno nuovo per il nuovo corso, basterà richiedere l'iscrizione al nuovo corso usando le medesime credenziali già in proprio possesso.

Non dimenticarsi di consultare il manuale dello studente (guida all'utilizzo) presente sulla pagina iniziale.