Con la crisi è boom calvizie, in arrivo nuove terapie


29 gennaio 2013 - 17:31Rassegna stampa


Lo stress e i suoi sintomi psicosomatici sono tra i peggiori nemici dei nostri capelli: con la crisi aumenta la calvizie. Soprattutto la calvizie ha avuto una maggiore incidenza con un aumento stimato intorno al 16%. Da qui un maggiore ricorso a trattamenti e a interventi per arginare il problema.

E, in tempi di crisi, si deve guardare oltre che all'efficacia anche al portafogli. Per questo è in sensibile aumento, di circa il 22%, la richiesta del cosiddetto trattamento PRP, con le piastrine, al posto del più costoso e invasivo trapianto.

A rivelare i dati è l"IHRF, fondazione di ricerca per la patologia sui capelli", presieduta dal Dott. Fabio Rinaldi, docente presso La Sorbona e dermatologo a Milano. Durante il prossimo "2° Congresso Internazionale di Dermatologia sull'uso di fattori di crescita, terapia cellulare e plasma ricco di piastrine", che si terrà a Milano i prossimi venerdi' 18 e sabato 19 gennaio, verranno analizzati anche gli effetti dello stress da disoccupazione e l'impatto dell'impoverimento collettivo sulle nostre teste.

Un'indagine condotta a partire dall'inizio dello scorso anno ad oggi, con la collaborazione di 100 dermatologi, ha rilevato come la crisi abbia impattato duramente sia sui portafogli degli italiani sia sul loro derma e sui loro capelli.

E' noto che lo stress già di per sé favorisca la comparsa di molte malattie della pelle come la dermatite seborroica, la psoriasi, l'alopecia areata e la perdita dei capelli. Lo specifico stress dovuto alla crisi economica e alla perdita o alla ricerca spasmodica del lavoro o, più in generale, alla condizione di instabilità della società in generale altera ancora di più le risposte del corpo e le difese immunitarie.

Nello specifico la ricerca, prendendo in esame un campione di circa 500 pazienti adulti che hanno subito la perdita del lavoro, la riduzione dello stipendio o la cassa integrazione (64% donne, 36% uomini, di età compresa tra i 30 e i 60 anni), ha evidenziato la prima comparsa di chiazze di alopecia areata nel 5% dei soggetti (la media normale è del 2%), una caduta importante e cronica dei capelli (defluvium telogenico) nel 46% dei casi (la media è del 20%), dermatite seborroica e psoriasi nel 15% (media 2-3%), prurito diffuso nel 31% (media 3%) e l'insorgere del lichen ruber planus (una malattia cutanea di origine autoimmune che colpisce di solito l'1% della popolazione) ben nel 3% dei pazienti studiati.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione