Uomini e cosmetici, le cure per la pelle al maschile


18 agosto 2013 - 00:11Rassegna stampa


I tempi sono cambiati. Basta guardare gli scaffali delle profumerie: qualche anno fa difficilmente si sarebbero potuti trovare prodotti pensati per lui, oggi è un tripudio di creme, detergenti e profumi declinati al maschile e secondo le stime dell'unione italiana delle imprese cosmetiche gli uomini sono responsabili di poco meno di un terzo della spesa cosmetica in Italia. Che cosa serve però alla pelle del viso virile, così diversa da quella delle donne? Alla domanda risponde un documento dell'American Academy of Dermatology, dedicato in maniera specifica a come contrastare l'invecchiamento del viso degli uomini e a quello che non dovrebbe mancare nel loro beauty.

DIFFERENZE - Il primo dato di fatto è la differenza considerevole della pelle fra uomo e donna: soprattutto a causa di motivi ormonali, la cute maschile è più spessa, ha pori più larghi, meno grasso sottocutaneo e produce più sebo (quattro volte di più rispetto al gentil sesso); inoltre, suda di più. Più tonica e resistente, resta giovanile più a lungo ma non per questo non ha bisogno di cure: più spesso mista o grassa vista la maggior produzione di sebo, è in realtà molto esposta alla disidratazione perché gli uomini in genere si lavano il viso con un normale sapone e ciò riduce il film idrolipidico di protezione presente sulla pelle, facilitando l'evaporazione dell'acqua. Inoltre, la rasatura quotidiana provoca micro-traumi ripetuti, irritazione e arrossamento, oltre a contribuire anch'essa alla disidratazione. Il viso maschile, poi, invecchia in modo diverso: «I peli della barba proteggono un po' il viso e contribuiscono a una minor formazione di rughe facciali - spiega Ivan Camacho, membro dell'American Academy of Dermatology e docente di dermatologia all'università di Miami -. La scarsità di grasso sottocutaneo fa però sì che con gli anni, quando questo grasso scompare quasi del tutto, il viso appaia più svuotato di quello femminile; il cedimento cutaneo avviene più repentinamente rispetto alle donne, così anche le rughe che poi compaiono risultano più marcate e profonde. Infine non si deve dimenticare che gli uomini hanno un tasso più elevato delle donne di melanoma, probabilmente anche perché molti tengono i capelli corti o li perdono, esponendo una maggiore area cutanea ai raggi ultravioletti».

PRODOTTI - Detto che certamente gli uomini e le donne non sono uguali, quali prodotti per la pelle non dovrebbero mai mancare nel bagno di un uomo? «In realtà, come per le donne, non esiste una ricetta che vada bene per qualsiasi tipo di pelle: sarebbe bene che ognuno, magari con l'aiuto di un dermatologo, trovasse i prodotti e i suggerimenti più adatti per sé - specifica Camacho -. Detto ciò alcune buone regole di base, da integrare poi con provvedimenti adeguati al proprio tipo di pelle, possono valere per tutti: innanzitutto, è bene che anche gli uomini imparino a usare ogni giorno una crema protettiva con filtro solare, perché il sole è il maggiore responsabile dell'invecchiamento cutaneo oltre che dei tumori della pelle. Altrettanto importante l'idratazione, anche se pochi uomini ci pensano; infine, sì a un detergente delicato da usare ogni giorno per pulire il viso». Oltre al classico dopobarba, quindi, non bisognerebbe dimenticare una buona crema idratante e protettiva e un detergente che non sia aggressivo. Ci sono poi cosmetici utili per contrastare le rughe, più tutta una serie di procedure che attirano sempre più anche gli uomini: i filler per rimpolpare i cedimenti, il laser per la couperose o per eliminare peli superflui dal collo o dalla schiena, il botulino per le rughe o i peeling chimici, con microdermoabrasione o con laser. «Anche gli uomini tengono sempre di più al loro aspetto, per cui è in crescita l'utilizzo di tecniche dermatologiche antiaging: l'essenziale è rivolgersi a professionisti qualificati, che sappiano inquadrare il problema al maschile e possano offrire soluzioni personalizzate e sicure», conclude il dermatologo.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione