Tumori: «suono» melanoma permette diagnosi più precoci


19 agosto 2010 - 17:39Rassegna stampa


Per diagnosticare nel modo più preciso possibile un melanoma è meglio «ascoltarlo». Lo afferma uno studio della Washington university di San Louis, secondo cui è possibile vedere questo tumore misurando come assorbe le onde sonore.

La tomografia fotoacustica studiata dai ricercatori e descritta sulla rivista Acs Nano sfrutta la proprietà di tutti i materiali di riscaldarsi quando vengono colpiti da onde. Se la frequenza è quella giusta, il riscaldamento provoca l'espansione e la contrazione del materiale, che emette un'onda sonora.

Nello studio il melanoma è stato irradiato con onde a diverse frequenze, e il suono che ne è derivato è stato elaborato da un computer per ricavare le esatte dimensioni e posizione del tumore.

«Con questa tecnica - scrivono gli autori - si può individuare il melanoma con una precisione fino a tre ordini di grandezza superiore rispetto ai metodi tradizionali».

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione