Tumori: cura della pelle durante le terapie. Ma occhio al sole


26 luglio 2013 - 16:07Rassegna stampa


Circa il 75% dei pazienti in terapia oncologica presenta manifestazioni dermatologiche: dal diradamento dei capelli fino alla caduta totale, all'aumentata fragilità delle unghie, con concomitanti sovra infezioni batteriche ed micotiche. La disidratazione è presente nel 100% dei casi ed è marcata a carico del viso e del corpo con aumentata sensibilità ad agenti esterni.

Per questo sono sempre più importanti, anche ai fini della terapia, tutti quegli accorgimenti e ausili che possono limitare i disagi e offrire ai pazienti non soolo una migliore qualità di vita, ma anche una maggiore autostima. Da qui è partito il Board Scientifico de "Il Corpo Ritrovato" che da tre anni è impegnato nella definizione di protocolli dermocosmetologici per la gestione degli eventi cutanei, e del conseguente disagio per la persona colpita, causati dalle cure oncologiche. Tre amiche 'per la pellè - Pucci Romano docente dell'Università Tor Vergata, Gabriella Fabbrocini, Docente Sezione di Dermatologia Università di Napoli e Norma Cameli, Responsabile Dermatologia Estetica del San Gallicano - che hanno illustrato i dati ed i risultati del loro lavoro durante il convegno intitolato "Sulla pelle del paziente oncologico - Gli aspetti clinici e le linee guida di terapia", preziose informazioni per prevenire, curare e guarire le reazioni che si presentano sulla pelle durante le cure.

Sono 1000 i nuovi casi di tumore che si scoprono ogni giorno in Italia, 364.000 l'anno, esclusi i tumori della pelle. Grazie alla diagnosi precoce e alle terapie più innovative, le percentuali di guarigione dopo 5 anni dalla diagnosi sono in aumento, 61% per le donne e 52% per gli uomini. La patologia tumorale è sempre più cronica e la qualità di vita del paziente oncologico è sempre più centrale nell'approccio terapeutico: "La cute è l'organo più grande del corpo, - spiega Pucci Romano - è quanto di noi si offre al mondo e tutto quello che la danneggia è visibile e mortificante. La terapia oncologica passa dalla pelle e per la pelle favorendo e inducendo una serie di alterazioni dal punto di vista funzionale, organico, estetico. Spesso tali problematiche, se non risolte, obbligano il paziente a interrompere la terapia". "Nei nostri ambulatori non osserviamo solo alopecia - afferma Gabriella Fabbrocini - ma numerose altre manifestazioni come il rash follicolare, presente in ben più dell'87% dei pazienti in chemioterapia. Le unghie sono poi molto colpite dai farmaci antitumorali, in circa il 25% dei casi, mentre il 15% dei pazienti sottoposti a radioterapia va incontro a radiodermatiti. E ancora xerosi, secchezza cutanea, spacchi ragadiformi che inibiscono anche le normali attività quotidiane".

E ora che è arrivata l'estate, soprattutto questi pazienti, devono proteggere la pelle. Ecco, dunque, il decalogo fornito dalle tre specialiste. Esporsi con moderazione negli orari prema delle 11 e dopo le 16, quando le radiazioni sono meno nocive. Usare solari ad alta protezione associati a indumenti appropriati protegge la pelle che ha subito danni da terapie oncologiche. Lo schermo totale non esiste. Scegliere prodotti fotoprotettivi senza parabeni, conservanti e nichel free con alto fattore di protezione (es.50). La maglietta è super sicura. Al mare e in montagna indossare comunque un cappello a falda larga, gli occhiali da sole e una t-shirt. Fa più chic. La cute che ha subito la radioterapia è molto più sensibile. In questo caso evitare di esporre la parte di cute irradiata per almeno un anno dal trattamento. Scegliere detergenti con formulazioni di tipo olio in acqua, che agiscono delicatamente per affinità e detergersi subito dopo il bagno in mare, in piscina o alle terme. L'idratazione della pelle nel periodo estivo è ancora più importante nel paziente oncologico. Preferire idratanti a base di olio di germe di grano, vitamina E e con aloe, urea e allantoina in formulazioni che vengono facilmente assorbite dalla cute. Curare e proteggere i capelli con lozioni tricostimolanti, balsami e shampoo specifici. Utilizzare lacche protettive e rinforzanti per la cura delle unghie. Mangiare frutta e verdura, bere tanta acqua, the verde e spremute o centrifughe.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione