Tracce di vacanze esotiche sulla pelle: ecco tutte le micosi e infezioni di fine estate


13 settembre 2015 - 09:49Rassegna stampa


Finite le vacanze, soprattutto se si è scelta una meta esotica, può capitare di fare i conti con inconvenienti alla pelle. In genere problemi non gravi, ma da non trascurare, perché con un intervento precoce è più facile liberarsene senza complicazioni. Ecco quali sono i tipici disturbi cutanei «da rientro» con i consigli e le cure per guarire

Scabbia

Si riscontra soprattutto in chi rientra da Caraibi e Sud America. Il contagio avviene in seguito a un contatto pelle-pelle con la persona infestata e, più di rado, tramite biancheria utilizzata da soggetti affetti. La scabbia è causata da un acaro capace di annidarsi nell'epidermide, dove depone le sue uova in cunicoli che scava appositamente.

Si manifesta con forte prurito diffuso, più intenso di notte: a causa del grattamento possono comparire escoriazioni che ricordano quelle dell'eczema. A volte si intravede sulla cute un cunicolo di pochi centimetri.

Sovrainfezione batterica di punture di insetti

È l'inconveniente più comune tra chi si reca in aree tropicali e subtropicali perché il clima caldo umido favorisce la sovrainfezione batterica di punture di piccoli artropodi, come zanzare o ragnetti.

Sulla puntura di insetto si formano bolle sierose prima limpide, poi torbide, che evolvono in abrasioni e croste giallastre. Le bolle possono causare anche prurito. In genere le lesioni sono multiple perché si è aggrediti dagli insetti in più punti.

Tinea pedis o piede d'atleta

È una micosi causata da funghi dermatofiti che colpisce soprattutto gli atleti e tutti coloro che frequentano luoghi affollati pubblici a clima caldo umido, posti ideali per la replicazione dei funghi.

Si manifesta con arrossamento tra le dita dei piedi, prurito, desquamazione.

Tinea corporis

Questa infezione micotica del corpo o del viso si verifica più spesso in ambienti caldi e tropicali. È causata da funghi dermatofiti che infettano e sopravvivono nello strato superiore dell'epidermide. In genere il contagio avviene toccando animali infetti (cani, gatti e altri).

La tipica lesione è una piccola chiazza circolare di colore rosa o rosso, desquamativa, in rilievo con i margini netti e il centro più chiaro In genere il prurito è lieve.

Larva migrans

È un'infestazione diffusa soprattutto nei climi subtropicali, causata da un nematode (un piccolissimo «verme») che penetra nella pelle e poi migra nell'epidermide. Questo nematode è un parassita intestinale di cani e gatti e gli uomini vengono contagiati se entrano in contatto con feci che contengono le uova (per esempio camminando a piedi nudi su spiagge frequentate da animali).

Si manifesta con una sensazione di prurito nel punto in cui penetra il nematode. Il parassita, penetrando nella cute, forma una sorta di tunnel in rilievo, rossastro e serpiginoso, che si allunga di giorno in giorno. Il «nastro» può provocare un intenso prurito soprattutto nell'estremità in cui si allunga. I piedi sono l'area più colpita.

Che cosa fare

Se al rientro da vacanze «esotiche» si notano irritazioni cutanee sospette, bisogna rivolgersi a un dermatologo, specificando il luogo della villeggiatura che può rappresentare un utile indizio per individuare il colpevole. Nella maggior parte dei casi per riconoscere questi disturbi è sufficiente un'attenta osservazione della cute. A volte, però, possono essere utili ulteriori approfondimenti, tra cui il prelievo di un piccolo campione di pelle per analizzarla al microscopio.

Le cure

  • In caso di punture di insetti con sovrainfezione batterica occorre disinfettare la lesione con detergenti antisettici (contenenti per esempio clorexidina). Se la lesione è singola si può usare un antibiotico locale, mentre se il problema è diffuso si ricorre all'antibiotico per bocca. Gli antistaminici per bocca aiutano, invece, a contrastare il prurito.
  • La scabbia si cura con facilità con l'applicazione su tutto il corpo di una crema a base di permetrina al 5%. Si raccomanda di eseguire una seconda applicazione a distanza di una settimana.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione