Rughe sul collo? Tutta colpa della postura da smartphone e tablet


15 Jan 2015 03:26 Rassegna stampa


Il cosidetto «tech neck» è un problema che colpisce soprattutto le donne tra i 18 e i 39 anni che guardano i dispositivi digitali fino a 150 volte al giorno

Se guardandosi allo specchio ci si accorge di avere il collo segnato da profonde rughe, l'indiziato principale dell'inestetismo è il dispositivo «hi tech» a cui siamo più affezionati: lo smartphone o il tablet. È infatti - secondo lo studio di un gruppo di dermatologi di The London Clinic - il costante sguardo allo schermo, spesso tenuto molto più in basso rispetto alla linea dello sguardo, a causare queste rughe che colpiscono soprattutto le donne tra i 18 e i 39 anni. Sono le «tecno-dipendenti», che leggono e controllano i dispositivi in piedi fino a 150 volte al giorno, piegando la testa verso lo schermo.

Rilassamento cutaneo

Una postura che, alla lunga, causa i segni sul collo. Secondo gli esperti questa costante flessione porta ad un rilassamento cutaneo nella zona del collo, le guance tendono a scendere e si forma una piega sopra la linea delle clavicole: una condizione che i dermatologi hanno ribattezzato «tech-neck». «Il problema delle rughe sul collo, legato a un eccessivo utilizzo di tablet e smartphone, è aumentato negli ultimi 10 anni e sta diventando insidioso sopratutto per le donne giovani», conclude Christopher Rowland Payne, dermatologo britannico che, insieme ai suoi colleghi, lancia l'allarme dalle pagine del «Telegraph».

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteCorriere della Sera
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati rughe

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.