Psoriasi, il problema del ritardo nella diagnosi


24 ottobre 2015 - 12:01Rassegna stampa


Dal un sondaggio del Censis emerge che 7 pazienti su 10 sono passati da uno specialista all'altro prima di identificare la patologia e capire come curarla

STIGMA, ritardi nella diagnosi, poco informazione: dai malati di psoriasi e dagli specialisti arriva, tramite un sondaggio Censis, un nuovo richiamo ad agire. Per ottenere una diagnosi di psoriasi 7 pazienti su 10 sono passati da uno specialista all'altro e in 5 su 10 si sono rivolti in media a 4 diversi specialisti o ambulatori specializzati, prima di individuare l'attuale interlocutore a cui affidarsi per le cure. E in due casi su 10 i sintomi sono stati associati dai medici ad un'altra patologia. Così l'indagine presentata oggi a Roma e condotta dall'istituto Censis che ha coinvolto 300 pazienti affetti da psoriasi, 56 dermatologi dei Centri per il trattamento della psoriasi sul territorio nazionale e 21 farmacisti ospedalieri.

Poca informazione. Di fatto emerge il bisogno di informazioni (metà degli intervistati le considera insufficienti). Considerando (9 su 10) il dermatologo lo specialista di riferimento, per il 37% circa dei pazienti più giovani e dei più istruiti è il web la fonte principale di informazione. Dall'indagine Censis arrivano anche paure e ansie dei malati: paura della evoluzione della malattia (quasi 65%) e vergogna per i segni sul corpo (56%), il fastidio per il timore (infondato) che le altre persone hanno di essere contagiate (52% circa). Solo il 24% si dichiara soddisfatto della propria vita. Ancora dal Rapporto Censis: "Oltre il 70% dei dermatologi evidenzia che la gravità della patologia è sottovalutata. Otto dermatologi su 10 ritengono che la rete dei Centri per il trattamento della psoriasi attuale andrebbe ridefinita".

Il tavolo di pazienti ed esperti. A fianco del sondaggio Censis, un gruppo di esperti composto da specialisti in Dermatologia, Farmacologia, Farmaco-Economia, medici di Medicina Generale, Farmacisti ospedalieri e rappresentanti dei pazienti si sono riuniti dando vita, con il contributo della multinazionale Novartis, ad un Tavolo Multidisciplinare arrivando a stilare un documento per suggerire ambiti di miglioramento e possibili aree di intervento. Secondo Giampiero Girolomoni, presidente SIDeMaST, riportando i risultati degli esperti "è necessario un modello organizzativo più efficace nel gestire i pazienti, a partire dalla formazione dei medici di medicina generale e da un miglior collegamento fra dermatologia territoriale e i centri di riferimento per la cura della psoriasi".

"Serve un modello organizzativo efficace". E Lorenzo Mantovani, docente di Farmacoeconomia dell'università Federico II di Napoli, ha aggiunto "ad un modello organizzativo più efficace nel gestire il paziente è necessario affiancare un modello di gestione delle risorse che introduca indicatori clinici per confrontare l'efficacia delle terapie e dei centri sulla base del miglior rapporto possibile tra risultato delle cure e spesa sostenuta". Il documento identifica 5 necessità (da cui 8 conseguenti "call to action"): miglior formazione del medico di medicina generale; sottostima dei pazienti e ritardi nella diagnosi; centralità del dermatologo e collaborazione medica e psicologica in equipe; strategia anti-stigma; miglior distribuzione dei fondi.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione