Psoriasi e artrite psoriasica, benefici dalla chirurgia bariatrica


13 novembre 2015 - 20:00Rassegna stampa


Perdere i chili in eccesso migliora i sintomi, soprattutto nei pazienti più gravi, perché diminuisce l'infiammazione cronica che è fra le cause della malattia

Perdere i chili di troppo si traduce in un beneficio concreto anche per le lesioni cutanee dovute a psoriasi e per i sintomi collegati all'artrite psoriasica. E' questa la conclusione a cui è giunto uno studio statunitense presentato durante il convegno annuale del Collegio Americano di Reumatologia appena conclusosi a San Francisco (California). «La psoriasi e l'artrite psoriasica sono condizioni infiammatorie croniche che possono essere dolorose e avere un impatto anche assai gravoso sulla qualità di vita delle persone - ha detto l'autrice della ricerca, Soumya Reddy, codirettrice del Centro di Artrite Psoriasica della New York University School of Medicine-Langone Medical Center -. Proprio come l'obesità, che sappiamo avere un legame con queste due patologie: è infatti elevato il numero di persone obese o in sovrappeso che soffrono di psoriasi. Gli esiti di questa indagine mostrano, statistiche alla mano, il miglioramento e il sollievo che derivano dall'eliminare peso in eccesso tramite chirurgia bariatrica».

Lo studio

Nel loro studio Reddy e colleghi hanno revisionato le cartelle cliniche di oltre 9mila pazienti affetti da obesità e sottoposti a un trattamento chirurgico per la riduzione dei chili in eccesso al Langone Medical Center tra il 2002 e il 2013. Tra i malati operati, 86 soffrivano di psoriasi e 21 anche di artrite psoriasica. I ricercatori hanno quindi confrontato i loro sintomi prima e dopo l'intervento per la perdita di peso ed è emerso che per oltre la metà dei pazienti c'è stato un notevole miglioramento della psoriasi successivo all'operazione. In particolare, a trarre i benefici maggiori dal dimagrimento sono stati i malati più gravi e quelli con artrite psoriasica. E' inoltre apparso evidente che la situazione tende a migliorare con il passare del tempo, tanto che i più grandi progressi contro la psoriasi sono stati raggiunti da chi aveva perso il maggior numero di chili un anno dopo l'intervento di chirurgia bariatrica.

Legame certo fra psoriasi e obesità

«Ormai è chiaro che il peso corporeo dei pazienti con psoriasi ha un'importanza cruciale per svariati motivi e gioca un ruolo sia sulla scelta della terapia che sulla sua efficacia, oltre che sull'andamento delle lesioni - concludono i ricercatori -. Sappiamo inoltre che si tratta di una patologia caratterizzata da un'elevata attività infiammatoria di carattere più generale, che può essere peggiorata dal grasso in eccesso: l'infiammazione colpisce anche altri distretti come l'apparato gastro-intestinale, il fegato, il cuore e contribuisce ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari (infarto, ictus, angina, coronaropatie). Un numero crescente di studi è giunto a conclusioni simili alle nostre e ha documentato che la perdita di peso può avere effetti benefici come ridurre la gravità della psoriasi e migliorare l'efficacia delle terapie sistemiche della psoriasi. È dunque importante considerare, fra i possibili benefici che si ottengono con gli interventi di chirurgia bariatrica, anche il miglioramento dei problemi cutanei o reumatici legati alla psoriasi».

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione