Psoriasi, dagli specialisti della Federico II il menù Salva-pelle per feste di Natale


19 dicembre 2016 - 11:16Rassegna stampa


Fra pranzi, cene, cenoni e brindisi vari, le festività natalizie sono una minaccia per la linea, ma possono rivelarsi pericolose anche per chi soffre di psoriasi. In queste settimane di abbuffate senza troppe remore, anche la pelle rischia, perché molti cibi della tradizione sono bombe caloriche che, oltre a regalare chili di troppo, infiammano i tessuti, spianando la strada alla comparsa di nuove lesioni sulla cute. Dagli esperti della Dermatologia dell'università Federico II di Napoli, che hanno fatto il punto sui cibi che amici e nemici dei pazienti, in occasione della seconda riunione della Scuola della psoriasi, arriva il menù 'salva-pellè per le feste.

Per la cena della Vigilia, per esempio, sì al pesce accompagnato da verdure invernali per contorno come carote e zucca gialla; per il pranzo di Natale via libera a carni magre come pollo e tacchino farciti di verdure come cavolo, bietole o spinaci e accompagnati da cereali integrali. Come dessert, gli esperti consigliano la frutta secca e qualche dolce della tradizione meno ricco di zuccheri, preferendo per esempio una piccola fetta di pandoro o panettone classici, senza farciture, a torrone e marron glacé. Attenzione, invece, ai dolci elaborati.

"La dieta mediterranea è la migliore per i pazienti con psoriasi - sottolinea Nicola Balato, professore di Dermatologia alla Federico II, responsabile dell'ambulatorio della psoriasi - Tanto pesce azzurro, frutta, verdura e legumi sono i cardini di un'alimentazione sana, mentre la carne rossa e i salumi non andrebbero portati in tavola più di una volta al mese, quella bianca una volta alla settimana".

Questo regime alimentare è "adeguato a mantenere bassi i livelli generali di infiammazione: è proprio questa, infatti, che è troppo elevata nella cute dei soggetti con psoriasi che, non a caso, hanno un rischio più elevato di andare incontro anche ad altre patologie legate a doppio filo all'eccesso di infiammazione nei tessuti, dal diabete alla sindrome metabolica, dall'artrite alle malattie cardiovascolari", spiega l'esperto.

Promossa, dunque, la dieta mediterranea. "Dobbiamo proporci di seguirla anche in questo periodo in cui gli stravizi sono più frequenti - raccomanda Balato - perché in caso contrario il rischio di andare incontro a un peggioramento delle lesioni è concreto". E chi volesse arricchire i piatti con gusti un pò diversi dal solito, "può puntare sui mirtilli, il mango o l'avocado, tutti frutti con uno dimostrato effetto antinfiammatorio: Ottima anche tutta la frutta invernale, come arance e mandarini".

Attenzione, infine, ai danni alla pelle causati da alcol e zuccheri aggiunti. "Gli alcolici possono scatenare un peggioramento e anche compromettere l'efficacia di alcuni trattamenti: chi soffre di psoriasi dovrebbe limitare al minimo i brindisi, pur non dovendo evitarli del tutto - afferma Fabio Ayala, direttore della Clinica dermatologica Università di Napoli Federico II - Anche gli zuccheri semplici hanno un potente effetto infiammatorio, per cui è opportuno ridurne il consumo anche e soprattutto in questo periodo, quando le occasioni per esagerare sono tante. Meglio scegliere dessert meno ricchi di zucchero e non abbondare con le porzioni. Incerta è invece l'associazione tra celiachia e psoriasi: perciò, meglio non ricorrere al 'fai da tè eliminando intere categorie di cibi senza una diagnosi certa e piuttosto sottoporsi ai test per capire se si è celiaci".

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione