«Proibizionismo» anti-melanoma: lettini solari al bando


11 giugno 2010 - 12:02Rassegna stampa


La provocazione è piuttosto forte: per combattere il melanoma bisognerebbe bandire i lettini solari come si fa con le sigarette.

Il legame fra fumo e tumori (non solo del polmone) è chiaro, quello fra melanoma e raggi ultravioletti, naturali o artificiali, è molto più complesso da interpretare. Una cosa però è certa: i melanomi sono in aumento e le vittime della malattia, soprattutto maschi, è raddoppiato negli ultimi trent'anni, forse proprio perché gli uomini sono meno attenti a proteggersi dai raggi ultravioletti e si preoccupano meno dei loro nei rispetto alle donne.

L'idea del proibizionismo anti-lettini è dell'oncologo italiano Paolo Ascierto dell'Istituto Tumori di Napoli, Fondazione Pascale, esperto di melanomi, che la propone all'ASCO, l'annuale congresso degli oncologi americani, che si è aperto a Chicago con la presenza di trentamila persone. Di melanomi si discute nelle sessioni plenarie perché, se da trent'anni non si registravano progressi nella cura della malattia, adesso la novità c'è: è un farmaco piuttosto speciale, diverso dagli altri, perché non colpisce direttamente il tumore, ma attiva il sistema immunitario. E funziona su tumori avanzati, che non rispondono più alle cure standard a base di un vecchio farmaco, la dacarbazina.

Anticorpi monoclonali

Gli specialisti, infatti, parlano di una nuova immunoterapia e commentano i dati di uno studio internazionale che ha paragonato gli effetti di questo composto, un anticorpo monoclonale chiamato ipilimumab, con quelli di un vaccino anti-melanoma mostrando che i pazienti trattati con l'anticorpo vivevano più a lungo (la sopravvivenza aumenta di circa un terzo) rispetto agli altri.

«Il melanoma avanzato è una malattia difficile da curare - ha commentato Steven O'Day dell'University of Southern California a Los Angeles e coordinatore dello studio. - È la prima volta, in trent'anni, che otteniamo un miglioramento della sopravvivenza. Un risultato importante per i pazienti e perché dimostra l'efficacia di una nuova strategia per combattere i tumori: l'immunoterpia». In pratica l'anticorpo agisce su alcuni linfociti (globuli bianchi del sistema immunitario) togliendo un «blocco» che impediva a queste cellule di aggredire il tumore.

Uso compassionevole

«È un passo avanti sulla strada della cronicizzazione del tumore» aggiunge Ascierto. Esiste però un problema di effetti tossici (colite e rash cutanei) che si presentano nel 10-14 per cento dei pazienti e che vanno affrontati: per questo il farmaco deve essere maneggiato da persone esperte.

L'ipilimumab (che è stato messo a punto da un italiano negli Stati Uniti, Renzo Canetta) non è ancora registrato, ma da oggi, in Italia, è disponibile per uso compassionevole: può essere richiesto all'azienda produttrice attraverso particolari procedure stabilite per legge.

«I potenziali candidati a questo trattamento, in Italia, sono all'incirca 1500 all'anno - aggiunge Ascierto - Tante infatti sono le persone che muoiono con malattia in fase avanzata». I pazienti che scoprono di avere un melanoma sono all'incirca 7 mila all'anno: per il 70 per cento si tratta di una diagnosi precoce che permette cure tempestive, nel restante 30 per cento, la malattia è già avanzata.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione