Nuovo laser doppio anti-melanoma: più preciso della biopsia


06 marzo 2011 - 15:24Rassegna stampa


Un nuovo strumento basato sulla microscopia a doppio laser e su immagini ad alta risoluzione sviluppato dai medici della Duke University (USA) potrebbe aiutare nella diagnosi del melanoma, la forma più letale di cancro alla pelle: grazie a questo strumento per la prima volta gli scienziati avranno la capacità di identificare le differenze sostanziali tra le sostanze chimiche presenti nelle cellule cancerose e la pelle sana, così da delimitare il tessuto canceroso.

I due laser - si legge su Science Translational Medicine - infondono una piccola quantità di energia su un neo sospetto: gli scienziati hanno così modo di rilevare il modo in cui l'energia si ridistribuisce sulle cellule della pelle, così da individuare pigmenti diversi. I melanomi tendono infatti ad avere più eumelanina rispetto al tessuto sano: utilizzando la quantità di questo pigmento come criterio diagnostico il team è quindi in grado di individuare i campioni di tessuto malato.

La tecnica, spiega Warren S. Warren, direttore del Duke's Center for Molecular and Biomolecular Imaging, risulterebbe fino al 50% più accurata di una biopsia e sarebbe in grado di evitare molte diagnosi di melanoma false.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione