Nuovo laser doppio anti-melanoma: più preciso della biopsia


06 Mar 2011 03:24 Rassegna stampa


Un nuovo strumento basato sulla microscopia a doppio laser e su immagini ad alta risoluzione sviluppato dai medici della Duke University (USA) potrebbe aiutare nella diagnosi del melanoma, la forma più letale di cancro alla pelle: grazie a questo strumento per la prima volta gli scienziati avranno la capacità di identificare le differenze sostanziali tra le sostanze chimiche presenti nelle cellule cancerose e la pelle sana, così da delimitare il tessuto canceroso.

I due laser - si legge su Science Translational Medicine - infondono una piccola quantità di energia su un neo sospetto: gli scienziati hanno così modo di rilevare il modo in cui l'energia si ridistribuisce sulle cellule della pelle, così da individuare pigmenti diversi. I melanomi tendono infatti ad avere più eumelanina rispetto al tessuto sano: utilizzando la quantità di questo pigmento come criterio diagnostico il team è quindi in grado di individuare i campioni di tessuto malato.

La tecnica, spiega Warren S. Warren, direttore del Duke's Center for Molecular and Biomolecular Imaging, risulterebbe fino al 50% più accurata di una biopsia e sarebbe in grado di evitare molte diagnosi di melanoma false.

Inserito da segreteria SIDeMaST