Nei a rischio: i risultati del test


31 ottobre 2014 - 15:04Rassegna stampa


Contate le risposte:

  1. Se avete totalizzato più di sette «A», con tutta probabilità, si tratta di neo semplice, tranquillo. Da tenere comunque sempre sotto controllo. Meglio se con l'aiuto di un dermatologo.
  2. Se avete totalizzato più di sette «B», con tutta probabilità, si tratta di un neo atipico. Non esitate e fissate subito una visita specialistica.

Da tenere sempre a mente

«L'auto-osservazione è un valido strumento per tenere a bada i nei. L'importante è eseguire l'ispezione, da soli o con l'aiuto di qualcuno, ogni tre mesi - raccomanda il professor Marcello Monti, responsabile dell'Unità Operativa di Dermatologia dell'Humanitas Research Hospital di Rozzano (Milano) -. Se si ha l'impressione che un neo è mutato, la visita dal dermatologo è d'obbligo. Perché solo lui, con l'esame dermoscopico, potrà decidere se lasciare la situazione così com'è, per rivalutarla dopo sei mesi o un anno, oppure prendere un'altra strada. Se trascorsa la fase di stallo il neo non cambia, l'esperto proporrà una successiva visita di controllo. Stessa prassi per cinque anni. Il tempo che ci vuole per definire se un neo è a rischio o meno di melanoma. Soluzione opposta se, già durante il primo appuntamento, il dermatologo rileva con la dermoscopia che il neo presenta già delle caratteristiche atipiche. In questo caso, lo asporterà per poi sottoporlo all'esame istologico, così da evitare qualsiasi rischio».

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione