Melanoma avanzato. Ok al nivolumab a prescindere dallo stato del BRAF


30 maggio 2015 - 06:27Rassegna stampa


Secondo una nuova analisi di dati estratti da trial clinici, il nivolumab sembra avere la stessa efficacia sia nel melanoma avanzato con BRAF V600 mutante che con BRAF wild-type.

Il nivolumab, un anticorpo monoclonale anti-PD-1, è approvato per il trattamento del melanoma maligno dopo il ricorso all'ipilimumab o a un inibitore del BRAF. Rimane da capire se la mutazione del BRAF influenzi l'attività di tale farmaco, scrivono James Larkin, del Royal Marsden Hospital e i suoi colleghi su JAMA Oncology online il 21 maggio. Il team ha analizzato i dati di quattro trial su 440 pazienti affetti da tumore trattati con nivolumab con mutazione del BRAF V600 (n=106) o con BRAF wild-type (n=334). Il tasso di risposta obiettivo si attestava al 34,6% per il gruppo con BRAF wild-type e al 29,7% per quello con BRAF mutato e la durata media della risposta obiettiva era simile per entrambi i gruppi (14,8 mesi per il gruppo BRAF wild-type e 11,1 mesi per il gruppo BRAF mutato).

I ricercatori hanno rilevato che erano simili anche le riduzioni nella magnitudo del peso del tumore. Nelle analisi esplorative, i tassi di risposta obiettiva erano leggermente più elevati in pazienti con BRAF mutato che non avevano mai assunto inibitori del BRAF (33,1%) rispetto ai soggetti che avevano ricevuto questo tipo di terapia (24,5%), ma non si registravano differenze nelle riduzioni della magnitudo del peso del tumore dopo una precedente terapia con inibitori. I più alti tassi di effetti avversi legati al trattamento erano simili per entrambi i gruppi (BRAF wild-type 68,3% e BRAF mutato 58,5%).

"Nei limiti di questa analisi retrospettiva, i dati suggeriscono che il nivolumab è attivo sia in pazienti con BRAF wild-type che con BRAF mutato. Ciò è coerente con i risultati di precedenti analisi retrospettive riguardanti una monoterapia a base di ipilimumab e con uno studio di fase 1 che confrontava nivolumab e ipilimumab", concludono i ricercatori. "Inoltre, la monoterapia con ipilimumab potrebbe essere efficace nei pazienti con mutazione del gene BRAF a prescindere dalla precedente ricezione o meno di un inibitore di tale gene".

Tara C. Gangadhar, coautrice di un editoriale sull'articolo, ha affermato che "nei pazienti con o senza mutazione attivante del BRAF, per la terapia sistemica si potrebbe considerare il blocco della PD-1". "I trial clinici che includono il blocco della PD-1 nonché gli studi sulla combinazione di nuove terapie immunitarie o sulla combinazione di terapie mirate possono essere considerati tra le opzioni primarie di trattamento in tutti i pazienti con melanoma avanzato", hanno osservato Gangadhar e Lynn M. Schuchter, entrambi dell'Ambramson Cancer Center della University of Pennsylvania.

Jeffrey S. Weber del Moffitt Cancer Center di Tampa, in Florida, ha detto che i nuovi risultati "sono in linea con quanto è stato riscontrato con il nivolumab e altri anticorpi contro le proteine del checkpoint e stabiliscono che lo stato del BRAF non è un fattore predittivo del beneficio riscontrabile grazie a questi farmaci, soprattutto il nivolumab". "Il nivolumab è un eccellente trattamento di prima scelta in tutti i pazienti con melanoma, sia con BRAF wild-type che con BRAF mutato, soprattutto se nel tumore la proteina PD-1 è positiva", ha dichiarato il Weber. "Per una malattia molto pesante o in un numero sempre maggiore di pazienti con BRAF mutato, molti ricercatori continueranno a preferire di iniziare la terapia con inibitori del BRAF".

Lo studio è stato finanziato da Bristol-Myers Squibb. Il Dr. Larkin, che non è stato possibile raggiungere per commenti, è stato un consulente per l'azienda.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione