Melanoma. L'antigene Prame predice aumento rischio metastatico in quello uveale


11 marzo 2016 - 07:53Rassegna stampa


I melanomi uveali di classe 1 sono considerati a basso rischio di metastasi. Tuttavia, in alcuni casi le metastasi si verificano ugualmente: l'antigene PRAME potrebbe essere un valido marker per identificare questi casi tempestivamente.

L'antigene PRAME è un predittore indipendente dell'aumento del rischio di metastasi nei pazienti con melanoma uveale di classe 1. È quanto emerge da uno studio condotto dal team del dottor J. William Harbour, della University of Miami Miller School of Medicine's Bascom Palmer Eye Institute. "Se sarà validato da altre ricerche, incluso uno studio prospettico su 27 centri che stiamo organizzando al momento - hanno detto gli autori dello studio - PRAME potrebbe essere utilizzato come marker per rischio metastatico intermedio del melanoma uveale di classe 1". I melanomi uveali sono attualmente divisi in " classe 1" (basso rischio metastatico) e "classe 2" (alto rischio metastatico), e per categorizzarli viene solitamente utilizzato un classificatore basato sull'espressione di 12 geni . Tuttavia, alcuni tumori di classe 1 metastatizzano, ma gli attuali marker non predicono adeguatamente la propensione alla metastasi in questi melanoma.

Lo studio

Durante la ricerca di un nuovo e potenzialmente più accurato biomarker per le metastasi della classe 1, il team del dottor Harbour ha identificato PRAME (PReferentially expressed Antigen in Melanoma) come il gene maggiormente sovraespresso nei tumori di classe 1 che metastatizzano (P=0.0006).

Tra 26 tumori di classe 1, tutti i sette tumori con metastasi hanno mostrato una elevata espressione del PRAME, mentre 16 su 19 tumori senza metastasi presentavano una espressione minima del PRAME (P=0.001). In altri 64 tumori, lo stato del PRAME era fortemente associato con le metastasi: non c'erano eventi metastatici tra i casi negativi al PRAME, mentre la probabilità di metastasi a cinque anni era del 38% per tumori positivi al PRAME (in confronto al 71% dei tumori di classe 2).

L'espressione del PRAME è anche correlata con l'instabilità cromosomiale in un piccolo sottogruppo dei tumori di classe 1.

I commenti

"I nostri risultati suggeriscono che ci siano tre tipi clinicamente rilevanti di melanoma uveale: classe 1/PRAME negativo, classe 1/PRAME positivo, e classe 2", ha detto il dottor Harbour. "I melanomi uveali di classe 2, che portano quasi sempre mutazioni BAP1, hanno un tasso metastatico del 70%-80% a cinque anni. Le metastasi coinvolgono il fegato in oltre il 90% dei casi, e raramente rispondono all'immunoterapia con inibitori dei checkpoint immunitari". "I melanomi uveali che esprimono il PRAME protano raramente mutazioni BAP1, hanno circa il 30% di probabilità di sviluppare una metastasi, coinvolgono il fegato in appena circa il 50% dei casi (nonostante la sorveglianza dei siti non epatici potrebbe essere importante), e c'è almeno un motivo teorico per provare l'utilizzo dell'immunoterapia", ha spiegato. "I melanomi uveali di classe 1 che non esprimono il PRAME hanno un rischio metastatico a cinque anni inferiore al 5% e non raccomandiamo trial con terapia adiuvante per questi pazienti, che gestiamo soltanto con un protocollo di sorveglianza sistemica a bassa intensità".

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione