Melanoma: addio biopsia. Basta il Doppler


03 Sep 2015 09:39 Rassegna stampa


Si può evitare la biopsia necessaria oggi a sapere se un neo con caratteristiche atipiche è la spia di un melanoma oppure no?

Uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Pisa e da quella di Lancaster e pubblicato su Nature Scientific Reports sostiene di sì: basta usare il laser Doppler una tecnica non invasiva che rileva la velocità di un fluido utilizzando luce laser.

Il test, che dura circa 30 minuti, è stato valutato in 55 persone con nei irregolari.

Le biopsie successivamente effettuate sui pazienti hanno dimostrato che il test è stato preciso al 100 per cento nell'identificare i pazienti con melanoma. In particolare il test ha una sensibilità del 100 per cento e una specificità del 90,9 per cento. Significa che identifica il melanoma in tutti i casi in cui è presente, ma nel 10 per cento dei casi identifica come melanomi nei che non lo sono affatto.

«Abbiamo usato la nostra conoscenza delle dinamiche del flusso sanguigno [...] che è diverso nei nei maligni rispetto alla pelle normale», ha detto una delle autrici dello studio, Aneta Stefanovska.

«Il melanoma è un tumore della pelle maligno particolarmente aggressivo. Gli attuali strumenti diagnostici portano inevitabilmente a molte escissioni invasive non necessarie. Il nuovo test potrebbe dunque portare a una sostanziale riduzione del numero di biopsie attualmente intraprese», ha detto un altro autore dello studio, Marco Rossi dell'Università di Pisa.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteHealthdesk
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati melanoma

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.