Lo stesso farmaco efficace anche contro tumori diversi


20 dicembre 2015 - 14:35Rassegna stampa


I nuovi studi portano a cure innovative in pochi anni

Un gruppo di ematologi italiani, guidato da Brunangelo Falini di Perugia, quattro anni fa ha scoperto che un particolare tipo di leucemia, chiamata tricoleucemia, è causata da una specifica alterazione del DNA, una mutazione del gene BRAF, che era già nota nel melanoma ed in altri tumori solidi. Fortuna vuole che fosse già disponibile un farmaco studiato per colpire la mutazione di BRAF. Ora i nostri ematologi hanno potuto dimostrare che il farmaco, originariamente sviluppato per curare gli altri tumori, è efficace anche contro la tricoleucemia. Il cancro non è una singola malattia, ma una galassia di centinaia di tipi diversi di tumore, per ognuno dei quali vengono sviluppate cure specifiche. I progressi nella ricerca sul DNA dei tumori ci offrono ora una nuova prospettiva: trovare la stessa mutazione consente di disegnare delle costellazioni di sottotipi di tumori, anche molto diversi tra loro (come la leucemia ed il melanoma), che possono essere curati con uno stesso farmaco, diretto contro lo specifico bersaglio molecolare. Lo sviluppo delle nuove cure per i tumori, il percorso che va dall'idea alla sperimentazione di laboratorio e clinica, fino all'approvazione per l'uso, richiede sempre tempi lunghi. I nuovi studi, come quello descritto, consentono di abbreviare molto i tempi, portando nuove cure nel giro di pochi anni.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione