Le «stupefacenti» proprietà antiossidanti dell'olio di cannabis


28 Jan 2015 10:21 Rassegna stampa


È prezioso per la pelle perché ristabilisce il corretto equilibrio di sostanze lipidiche e cerose. Usato per i cosmetici antietà e per i massaggi ayurvedici

Dalle «stupefacenti» proprietà antiossidanti. Ricco in acidi grassi essenziali dalle proprietà anche immunomodulanti e antinfiammatorie. L'olio di semi di canapa è stato scoperto da poco dalla cosmetica. È impiegato come principio attivo dei cosmetici antietà e utilizzato spesso per le pratiche ayurvediche. «Si ottiene tramite la spremitura a freddo dei semi di cannabis sativa - spiega il cosmetologo Umberto Borellini, docente e autore di "Cosmetologia, dalla dermocosmesi funzionale alla cosmeceutica" - , arriva a contenere sino a 18,5% di acido Gamma linoleico e buone percentuali di omega 3 ed è quindi prezioso per la sintesi dei ceramidi, il cemento della nostra pelle. Viene perciò utilizzato sia come restituivo per pelli aride, sia come ingrediente di oli da massaggio e di saponi. È prezioso per la pelle perché ristabilisce il corretto equilibrio di sostanze lipidiche e cerose, il che significa riequilibrare sia una cute che produce poco sebo, sia una cute arida e tendente alla desquamazione».

Le proprietà

Ha un colore che varia dal verde chiaro al più intenso, possiede un odore poco marcato e un sapore che ricorda quello delle nocciole tostate (è utilizzato anche per condire insalate, cereali o zuppe). È una delle poche fonti vegetali di acido alfa linolenico. È noto per il suo ottimale equilibrio tra omega-3 e omega-6: nessun altro alimento in natura è in grado di garantire una proporzione 3:1, rapporto raccomandato dalle ricerche mediche e dalle più avanzate teorie nutrizioniste. Questa è la principale differenza tra l'olio di semi di canapa e gli altri olii utilizzati nell'alimentazione o come integratori alimentari. Nell'olio di canapa sono presenti anche quantità significative di amminoacidi, essenziali al corretto funzionamento dell'organismo; numerose vitamine, tra cui A, E, B1, B2, PP, C; sali minerali come ferro, calcio, magnesio, potassio, fosforo; fitosteroli e cannabinoidi (specialmente CBD, Cannabidiolo) che secondo le più recenti acquisizioni medico-scientifiche hanno un'importante funzione di modulazione per quanto riguarda il sistema immunitario e le funzioni cognitive.

I benefici

E il principio attivo stupefacente? Il livello di THC (tetraidrocannabinolo) è molto basso, meno di una parte per milione, così per avere effetti psicotropi da parte di questa sostanza, bisognerebbe assumerne dai 5-9 litri al giorno. Si trova nei negozi biologici. Fino ad oggi non si è verificato nessun tipo di effetti collaterali derivanti dall'assunzione di olio di canapa, ma al contrario, si sono osservati effetti benefici sulla salute, sia per i bambini che per gli adulti, tanto da essere ormai raccomandato nella prevenzione e nel trattamento delle malattie a base è infiammatoria. L'uso quotidiano di olio di canapa (circa 4/5 cucchiaini al giorno) abbassa rapidamente il colesterolo e di trigliceridi nel sangue. È impiegato per la cura delle dermatiti atopiche e secche, psoriasi, herpes, eritemi, vitiligine, eczemi, micosi e per tutte le infiammazioni o irritazioni localizzate. Può inoltre migliorare le condizioni della cute affetta da acne. Oltre che all'assunzione per bocca, si applica anche direttamente sulla zona da trattare per ridurre i pruriti e le infiammazioni.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteCorriere della Sera
AutoriRossella Burattino
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati pelle

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.