Iniezioni antirughe nel mirino, rischio infezioni


02 novembre 2013 - 10:24Rassegna stampa


Cosa si rischia per una puntura ringiovanente? Granulomi, noduli, comparsa sottopelle di microorganismi a gruppi, chiamati 'biofilm', che indicano la presenza di infezioni. E poi cicatrici se le punture diventano troppe e solchi delle labbra che scivolano formando delle creste che in natura non esistono. Queste alcune delle principali complicanze dovute ai fillers, sostanze che vengono iniettate nella pelle per levare le rughe o aumentare il volume della bocca o degli zigomi, elencate dai dermatologi dell'European academy of dermatology and venereology (Eadv), al 22/esimo congresso in corso a Istanbul.

"La dermatologia estetica 'soft', intesa come più facile da effettuare, non esiste" afferma Ilaria Ghersetich, docente di dermatologia estetica all'università di Firenze. "Sono oltre 100 i tipi diversi di fillers (riempitivi) venduti adesso in Europa, non tutti di ottima qualità e non sono pochi quelli che entrano in commercio e poi scompaiono dopo pochi mesi. Il rischio è generalmente raro per le sostanze riassorbibili naturalmente dall'organismo, più alto invece se si usano sostanze sintetiche che permangono più a lungo nel tessuto". Precisa la dermatologa: "Perfino l'acido ialuronico però, uno zucchero ritenuto fra tutti il più sicuro, può sviluppare granulomi se inserito, ad esempio, dopo un filler di altro genere o con una metodica iniettiva sbagliata". "Se le punture ringiovanenti si combinano fra loro, fenomeno sempre più diffuso, il rischio aumenta e se sono abbinate ad altre terapie estetiche come laser, peeling, lipolisi e chirurgia estetica, le reazioni avverse diventano invece molto probabili", sostiene Uwe Wollina del dipartimento di dermatologia ed allergologia all'Academic Teaching hospital di Dresden, Germania.

Lo specialista raccomanda di non fare le punture riempitive insieme al botulino nell'area oculare, evitare anche di associarle con le radiofrequenze, tipo thermage, perché scatenano infiammazioni. Non sottoporsi inoltre a laser, meglio aspettare almeno 4 settimane dalla puntura, se il laser è più superficiale invece 2. "Se rimediare ai danni scatenati dall'acido ialuronico è abbastanza facile non lo è affatto per i composti ad effetto prolungato" spiega Koenraad De Boulle, dermatologo di Aalst, Belgio - "per ridurrli si usano massaggi, calore, paste alla nitroglicerina, eparina. Poi cortisonici, antibiotici, laser e chirurgia, anche in modo combinato".

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione