In aumento le allergie dovute ai tatuaggi


16 luglio 2011 - 18:36Rassegna stampa


I tatuaggi possono a volte essere dannosi per la salute, provocando dermatiti, eczemi, pruriti e desquamazione della pelle.

Lo rivela una ricerca, il cui focus è stato sugli inchiostri che vengono utilizzati, da un team formato da ricercatori dell'istituto superiore di sanità e dell'istituto dermatologico San Gallicano di Roma.

«Tutti i produttori commercializzano inchiostri contenenti concentrazioni mediane molto elevate di cromo e di nichel mentre il cobalto è presente in concentrazioni più basse», è scritto nella relazione.

Il cromo, il nichel e il cobalto servono a creare i colori blu, rosso e verde utilizzati nei disegni e risultano essere i diretti responsabili delle reazioni allergiche.

Dalla ricerca emerge anche un dato che boccia anche i tatuaggi temporanei all'henné. I comuni tatuaggi che vengono anche fatti sulle spiagge, secondo la ricerca, possono scatenare reazioni allergiche a causa della parafenilendiamina, colorante utilizzato anche nelle tinture per capelli.

«Questa sostanza rende l'inchiostro più scuro (l'henné dà una colorazione rossa) e allunga la persistenza sulla pelle» così afferma Antonio Cristaudo, direttore dell'unità operativa di dermatologia e allergologia dell'istituto San Gallicano.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione