Il melanoma e la malattia di Parkinson condividono componenti genetiche comuni


08 febbraio 2011 - 09:00Rassegna stampa


La manifestazione contemporanea di malattia di Parkinson e melanoma è stata riportata in numerosi studi. Se questo fosse dovuto a meccanismi genetici comuni, una storia familiare positiva per melanoma sarebbe associata a un eccesso di rischio di malattia di Parkinson, indipendentemente dai fattori di rischio ambientali per la malattia di Parkinson.

Un gruppo di ricercatori del Brigham and Women's Hospital and Harvard Medical School a Boston negli Stati Uniti, ha esaminato in maniera prospettica le associazioni tra storia familiare di melanoma e malattia di Parkinson in uomini e donne liberi da Parkinson al basale (1990 per gli uomini e 1982 per le donne) che facevano parte di 2 coorti: Health Professional Follow-up Study e Nurses' Health Study.

Nel corso dei 14-20 anni di follow-up, sono stati identificati 616 casi di malattia di Parkinson incidente.

Una storia familiare di melanoma in un parente di primo grado è risultata associata a un più alto rischio di malattia di Parkinson (rischio relativo multivariato, RR= 1.85; p=0.004), dopo aggiustamento per abitudine al fumo, etnicità, assunzione di caffeina e altre covariate.

Al contrario, non sono state osservate associazioni significative tra una storia familiare di tumore del colon-retto, del polmone, della prostata o del seno e rischio di malattia di Parkinson.

Le interazioni tra storia familiare di melanoma ed età, abitudine al fumo o caffeina non sono risultate significative, e le analisi di sottogruppo in accordo con tali fattori ha generato risultati simili.

In conclusione, questi risultati supportano il fatto che il melanoma e la malattia di Parkinson condividono componenti genetiche comuni. I determinanti genetici del melanoma potrebbero dunque essere studiati come geni candidati per la suscettibilità alla malattia di Parkinson.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione