Il grasso si combatte con il freddo


23 aprile 2010 - 09:31Rassegna stampa


La tecnica è spiegata da Mathew Avram, dermatologo del Massachusetts General Hospital and Cosmetic Dermatology Laser Center che ha ideato la nuova cura che combatte questi odiatissimi depositi di adiposità sotto la pelle.

Il punto di partenza è stato offerto dall'osservazione scientifica che il grasso «è più suscettibile al freddo», spiega Avram, Dalla sua, il nuovo trattamento ha il fatto che l'azione del freddo interessa solo gli antiestetici accumuli d'adipe, salvaguardando la pelle da possibili danni.

L'American Academy of Cosmetic Surgery, associazione dei dermatologi Usa, ne segue con attenzione le applicazioni pratiche, considerato che «non sembrano esserci problemi - dice il suo presidente Mark Bernan - causati dal riassorbimento del grasso»: La nuova metodica è ora al vaglio della Food and Drug Administratrion, l'ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici.

La crioterapia, ossia l'insieme delle tecniche che sfruttano il freddo per scopi curativi, è già utilizzata in molti settori della medicina. Con la diminuzione della temperatura cutanea e dei tessuti sottostanti si ottiene un potente effetto analgesico ed antiinfiammatorio: per questo, ad esempio, il freddo viene adoperato comunemente dopo traumi diretti e indiretti. In dermatologia, invece, la crioterapia con azoto liquido è indicata nel trattamento non invasivo di lesioni di varia natura, da quelle virali a quelle neoplastiche. L'azoto liquido non è altro che «aria» raffreddata alla temperatura di 196 gradi sotto lo zero. In questo caso, il freddo congela il tessuto ammalato formando dei cristalli di ghiaccio intracellulari che provocano la lisi e shock termico della cellula.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione