Carcinoma polmonare, approvato nuovo approccio che riduce tossicità


28 marzo 2015 - 09:43Rassegna stampa


Abraxane®, in associazione a carboplatino, è stato approvato dalla Commissione europea per il trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non a piccole cellule (Nsclc) in pazienti adulti non candidati a chirurgia curativa o a radioterapia. L'estensione delle indicazioni ha mostrato vantaggi rispetto al trattamento standard per questo tumore, tra cui minore neurotossicità.

PRINCIPIO ATTIVO: paclitaxel legato ad albumina formulato in nanoparticelle (nab-paclitaxel)

NOME COMMERCIALE: ABRAXANE®

FORMULAZIONI IN COMMERCIO: polvere per sospensione per infusione. Uso endovenoso

CATEGORIA TERAPEUTICA: antineoplastici, alcaloidi da piante ed altri prodotti naturali, taxani Codice ATC: L01CD01.

ATTIVITA' FARMACOLOGICA: inibitore selettivo della tubulina.

INDICAZIONI: trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non a piccole cellule in pazienti adulti non candidati a chirurgia curativa o a radioterapia (estensione delle indicazioni). Il farmaco è già approvato in Europa per il cancro al seno e il cancro del pancreas.

MECCANISMO D'AZIONE:paclitaxel, che presenta un sito specifico sulla subunità beta della tubulina, si lega ai microtubuli favorendo la loro aggregazione e impedendo la loro rottura (depolimerizzazione). Tale stabilizzazione inibisce la normale riorganizzazione dinamica della struttura del microtubulo, essenziale per l'interfase vitale e per le funzioni mitotiche della cellula tumorale. Paclitaxel induce anche la formazione di aggregazioni anormali di microtubuli durante il ciclo della cellula e di astrosfere multiple di microtubuli durante la mitosi. Interrotta la divisione cellulare, viene indotta la morte della cellula. ABRAXANE® contiene nanoparticelle di paclitaxel legate all'albumina del siero umano delle dimensioni di circa 130 nm, in cui il paclitaxel è presente in stato amorfo. Con la somministrazione endovenosa, le nanoparticelle si dissociano rapidamente in complessi di paclitaxel legato all'albumina a solubili delle dimensioni di circa 10 nm. Gli studi in vitro hanno dimostrato che la presenza di albumina favorisce il trasporto di paclitaxel attraverso le cellule endoteliali con un maggiore accumulo di farmaco nella zona del tumore.

STUDI CLINICI: il carcinoma polmonare non a piccole cellule è la forma più comune di tumore ai polmoni e rappresenta l'85-90% di tutti i casi. ABRAXANE® è una formulazione di paclitaxel legato all'albumina in nanoparticelle, con proprietà farmacologiche sostanzialmente diverse da quelle di altre formulazioni. In uno studio multicentrico randomizzato in aperto, condotto su 1052 pazienti non sottoposti a precedente chemioterapia con carcinoma polmonare non a piccole cellule di Stadio IIIb/IV, è stata confrontata la terapia a base di ABRAXANE® in associazione a carboplatino rispetto a paclitaxel, disciolto in solvente in associazione a carboplatino, come trattamento di prima linea in pazienti. L'end point primario di efficacia, ossia il tasso di risposta globale, è risultato significativamente maggiore nel braccio ABRAXANE®/carboplatino rispetto al braccio di controllo: 33% versus 25%. Le reazioni avverse più frequenti sono state anemia, neutropenia, trombocitopenia, neuropatia periferica, nausea e affaticamento. Il farmaco può causare difetti nel feto, pertanto non deve essere somministrato alle donne in gravidanza o in età fertile che non utilizzano un contraccettivo

FORME FARMACEUTICHE: flaconcini da 100 mg o da 200 mg di paclitaxel formulato in nanoparticelle legato all'albumina.

RIMBORSABILITA': farmaco non ancora valutato ai fini della rimborsabilità per questa indicazione. Medicinale soggetto a prescrizione medica limitata. Uso ospedaliero.

EQUIVALENTI: no.

AZIENDA: Celgene Europe Limited

DATA APPROVAZIONE UE: marzo 2015

Che cosa aggiunge di nuovo

Alcuni vantaggi in termini di risposta anti-tumorale rispetto alla combinazione di carboplatino e paclitaxel che, finora, ha rappresentato lo standard internazionale. Ridotta neurotossicità, uno dei limiti della terapia tradizionale.

BIBLIOGRAFIA

Socinski MA, et al. Weekly nab-paclitaxel in combination with carboplatin versus solvent-based paclitaxel plus carboplatin as first-line therapy in patents with advanced non-small-cell lung cancer: Final results of a phase III trial. J Clin Oncol. 2012;30(17):2055-2062. 2. Data on file.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione