Bellezza: allarme dermatologi, abuso di alcool rovina la pelle


26 luglio 2013 - 17:19Rassegna stampa


Il bicchierino è un vizio duro a morire e sempre più giovani abusano di alcolici. Secondo l'Istituto superiore della sanità, questo problema interessa 1 milione e mezzo di persone fra 11 e 24 anni. Nello stesso tempo sono passati dal 33,7 al 41,9% i giovani di 18-24 anni che consumano alcol fuori pasto; mentre nella fascia di età dai 14 ai 17 anni la percentuale è passata dal 14,5 al 16,9. Anche i dati emersi da un rapporto Hsbc-Italia sono allarmanti. Sempre più ragazzi tra gli 11 e i 15 anni soffrono di dipendenza da alcol. L'abuso di tali sostanze ha gravi effetti sul fisico degli adolescenti, mal di testa, mal di stomaco, capogiri, mal di schiena e insonnia. L'alto apporto calorico delle bevande alcoliche inoltre, provocherebbe un aumento del sovrappeso: il 13,7% delle ragazze e il 21,3% dei ragazzi ha dei chili di troppo.

E con la fine delle scuole e quindi la possibilità di uscire tutte le sere, le percentuali sono purtroppo destinate a crescere in maniera esponenziale. Questo apporto calorico avrebbe degli effetti negativi sul peso e sulla pelle, in particolar modo sul viso. Una recente ricerca condotta da Gabriella Fabbrocini e Annamaria Colao (Federico II), coordinata da Giuseppe Monfrecola ha dimostrato infatti, che un alta percentuale di giovani tra i 15 e i 20 anni con acne resistente ai comuni trattamenti, presenta un'elevata percentuale di insulinoresistenza.

"Oltre all'elevato apporto di zuccheri e grassi, dopo una notte di bagordi, il ph della pelle è scombussolato, tanto da farci desiderare l'assunzione di cibi salati e grassi che possano bilanciare nuovamente il fisico" , spiega la Fabbrocini docente di dermatologia e venereologia presso l'Università di Napoli Federico II, "quindi oltre all'alcool che già di per se è molto calorico aggiungiamo alimenti ad alto indice glicemico che oltre a portare a un considerevole aumento di peso corporeo causano un peggioramento delle condizioni della pelle e a un aumento della seborrea e di tutte le condizioni ad esse legate come acne, capelli grassi, punti neri, pelle untuosa" . "L'alcol inoltre è epatolesivo soprattutto negli adolescenti e questo si può ripercuotere indirettamente anche sull'equilibrio idroelettrolitico del nostro organismo e della nostra pelle che risente molto di tali squilibri - chiarisce la specialista - rossori, eritemi e pelle con tendenza alla couperose e alla rosacea possono poi essere aggravati da un tasso alcolico elevato.

Cosa diversa è il mezzo bicchiere di vino rosso ai pasti che grazie all'attività antiossidante del resveratrolo può essere di aiuto come nemico dei radicali liberi". Ma oltre all'alcol quali sostanze sono colpevoli dell'invecchiamento cutaneo? "In primis abbiamo i raggi ultravioletti, seguiti dal fumo di sigaretta, dallo stress, dall'abuso di farmaci e da una dieta ricca di grassi animali - illustra l'esperta - anche lo smog è un fattore determinante". "Sicuramente - precisa - un'alimentazione a basso carico glicemico può aiutare i dermatologi a ottenere il massimo risultato anche di fronte a casi resistenti alle comuni terapie antiacne. I meccanismi sono complessi, ma diversi studi rilevano come una dieta ipocalorica possa migliorare, oltre che il nostro stato di salute generale, mantenendoci in forma, anche il grado di infiammazione associato all'acne".

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione