Acne sottovalutata, solo l'8% dei genitori si rivolge al dermatologo


21 novembre 2015 - 14:13Rassegna stampa


Solo l'8% dei genitori porta il figlio con l'acne dal dermatologo, mentre quasi il 20% privilegia la pulizia periodica dall'estetista o la pillola contraccettiva, nel caso delle ragazze. Il 13% fa impacchi con il limone e circa il 12% pensa che il problema 'passi da solò. Sono alcuni dei dati emersi dalla survey 'Acne e Giovanì per fotografare il comportamento di genitori e figli riguardo all'acne in Italia. L'indagine è stata lanciata da 'VediamociChiarà, il blog sulla salute e il benessere delle donne con una media di 200 mila utenti al mese, in collaborazione con l'Italian Acne Board e ha prodotto quasi 2.400 questionari di coppia con una parte delle domande destinate alle mamme e altre ai figli.

E' emerso che l'acne è molto sottovalutata, spiegano gli esperti in una nota. La terapia è troppo spesso affidata a persone non specializzate o al suggerimento di amici e, di conseguenza, le cure adottate non solo non sono efficaci, ma tendono a prolungare in modo inutile, se non addirittura a peggiorare, il problema. E non vanno sottovalutate le conseguenze psicologiche dei ragazzi nella quotidiana vita di relazione, in gruppo o con l'altro sesso. In una domanda a risposta multipla il 78% ha indicato lo smog e l'inquinamento come primaria causa dell'acne, seguito dalla cattiva alimentazione (66%), a pari merito con gli accumuli di grasso sotto la pelle (66%). C'è poi chi sostiene che l'acne sia causata da un virus (18%).

Quasi un quarto delle mamme intervistate ritiene che sia una patologia che sparisce col tempo e che si debba intervenire solo quando la situazione è molto grave (43%), o quando tutto ciò che è stato tentato non ha dato risultati (26%). Quanto alle risposte dei ragazzi, oltre il 60% ha in classe da 1 a 5 compagni con l'acne, la maggior parte di loro ritiene che essa influisca negativamente sulla propria immagine (49%) e sulla vita sociale (61%) o che crei maggiori difficoltà ad essere accettati dall'altro sesso (97%).

L'informazione su cosa è l'acne e come porvi rimedio è condivisa dagli adolescenti tra amici (32%) o cercata su internet (37%), soprattutto su Yahoo Answer. Di coloro che si stanno curando (il 65% del campione), solo il 20% segue una cura prescritta da un dermatologo, mentre ben il 29% segue una cura data dall'estetista o dal farmacista.

Visti i risultati, VediamociChiara, in collaborazione con l'Italian Acne Board e la partecipazione di Avantgarde, ha messo a punto una campagna di sensibilizzazione e comunicazione che parte proprio dai genitori per far comprendere l'origine e l'entità del problema ed evitare, grazie all'aiuto di una corretta terapia prescritta dal dermatologo, conseguenze importanti sul viso, sul corpo e sulla qualità della vita dei ragazzi, oltre all'esclusione del soggetto con acne dal gruppo.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione