10 consigli per gestire la psoriasi in estate


11 luglio 2015 - 07:31Rassegna stampa


Oltre due milioni e mezzo di italiani soffrono di questa patologia per cui esistono molte terapie efficaci , ma non ancora una cura definitiva (anche se recentemente sono state approvate nuove terapie in grado di far regredire completamente le lesioni ).

«La bella stagione è generalmente un momento difficile per i malati di psoriasi perché scoprendosi finiscono per mostrare le chiazze sulla pelle, ma è anche un periodo da sfruttare per gli effetti benefici che si possono avere - dice Piergiorgio Malagoli, Direttore del Centro Psocare all'IRCCS Istituto Policlinico San Donato di San Donato Milanese -. Il binomio sole e mare è in particolare una combinazione vincente perché l'azione di acqua del mare e raggi solari contribuisce notevolmente a far regredire le lesioni. Ma in spiaggia o in montagna è importante seguire poche semplici regole per sfruttare tutti i vantaggi». Vediamo quali.

1. Il sole è un amico, ma serve cautela

Il sole migliora la psoriasi, ma vanno evitate con cura le scottature scegliendo le ore meno calde e una crema solare con alto fattore di protezione (almeno 30), preferibilmente resistente all'acqua. E' anche importante ricordarsi che alcuni farmaci per la cura della psoriasi sono fotosensibilizzanti, ovvero rendono particolarmente sensibili alle radiazioni (c'è il rischio che si creino "antipatiche" macchie sulla cute), quindi meglio consultare il proprio dermatologo prima di esporsi al sole.

2. Le terapie non vanno interrotte

Anche in caso di miglioramento, le terapie locali (creme gel lozioni da applicare sulla pelle) o sistemiche (ovvero i farmaci) non devono essere sospese o effettuate parzialmente. Eventuali interruzioni devono essere sempre motivate e concordate con il dermatologo. Accade invece molto frequentemente che i pazienti psoriasici siano "indisciplinati" : interrompono le cure o ne modificano i dosaggi senza consultare lo specialista con il risultato di rischiare dei peggioramenti o, comunque, di non ottenere i benefici sperati dalla terapia.

3. Tanta acqua, pochi alcolici

D'estate è importante bere di più, ma bisogna preferire succhi vitaminici che hanno un'azione benefica rispetto alle bevande alcoliche che peggiorano gravemente la psoriasi. Il consumo regolare di alcol e superalcolici è certamente collegato ad un netto peggioramento della psoriasi con aumento dell'estensione della malattia e dei sintomi correlati quali prurito, bruciore, dolore e aumento delle squame.

4. Meduse o ortiche? Vietato grattarsi

In caso di punture d'insetti o meduse, di contatto con erbe urticanti o alghe, per qualsiasi contrattempo che può interessare la cute tipico della stagione insomma, non servono rimedi diversi da quelli comunemente impiegati, salvo un'attenzione speciale: non grattare le lesioni, che così si irritano maggiormente, ma alleviare il prurito mediante l'applicazione di creme e oli idonei.

5. Attenti alla depilazione

D'estate aumenta l'esigenza di depilarsi. È consigliabile usare con delicatezza il rasoio. Solo in assenza di placche possono essere usati con prudenza metodi «traumatici» per la pelle come la cera a caldo e a freddo, gli epilatori e le pinzette. Per evitare allergie va limitato l'uso della crema depilatoria. In ogni caso, dopo la depilazione la pelle va accuratamente idratata.

6. Vestiti comodi contro il sudore

La sudorazione eccessiva può peggiorare i sintomi. È fondamentale scegliere abiti comodi (non troppo stretti), in fibra naturale e calzature aperte, affinché la pelle possa traspirare e restare asciutta. Per non accrescere l'irritazione è meglio evitare tutto ciò che può creare piccoli traumi o arrossamenti. Il principio di base è solo quello di sfuggire ciò che sfrega la pelle e che quindi, insieme all'inevitabile sudore, può infastidire.

7. Tenere sempre la pelle morbida dopo bagni e docce

Il caldo estivo spinge a lavarsi con più frequenza, ma questo può seccare l'epidermide e peggiorare la psoriasi. Vanno quindi usati prodotti non aggressivi quali saponi neutri o a base oleosa e oli detergenti di origine naturale. Bisogna poi applicare sempre, dopo la doccia, creme emollienti.

8. Lo sport migliora la psoriasi e rafforza il sistema immunitario

Sarebbe utile utilizzare la bella stagione e le ferie per praticare una regolare attività fisica, ognuno in base alle sue possibilità. Anche questo contribuisce, su due fronti, a "tenere a bada" la psoriasi (oltre ad essere un toccasana per la salute in generale): da un lato permette di arginare lo stress, dall'altro genera benefici effetti sui livelli d'infiammazione. Lo sport migliora la psoriasi e rafforza il sistema immunitario, ma l'acqua marina e quella della piscina possono seccare la pelle e provocare irritazioni. Per questo bisogna asciugarsi con attenzione dopo ogni bagno e doccia (senza strofinare) e mantenere alto il livello d'idratazione con prodotti idonei.

9. Combattere lo stress

Sfruttate l'estate e le vacanze per ridurre gli elementi che causano stress, così da contribuire ad alleviare i sintomi della psoriasi e migliorare il benessere della persona e la qualità della vita. Anche in vista del ritorno alla normalità settembrino è importante riflettere sulla propria agenda e cercare di limitare il più possibile nervosismi e tensione.

10. Dieta sana e guerra ai chili di troppo

Per proteggere la pelle può essere utile assumere un integratore alimentare, consigliato dallo specialista, prima dall'esposizione al sole. Tutto dipende in realtà dal tipo di terapia che si sta seguendo. In generale, il rapporto tra dieta e psoriasi è ancora oggetto di studio , ma di certo una scorretta alimentazione è in grado di indurre peggioramenti significativi del quadro clinico. Sono invece consigliati ai pazienti che soffrono di psoriasi alimenti che non modificano lo stato infiammatorio e che in quanto «neutri» (ovvero non dannosi) possono essere consumati in abbondanza, come frutta e verdura, pesce e carni bianche. Fondamentale è poi sfruttare il ben tempo e le ferie per cercare di smaltire i chili di troppo che possono limitare l'efficacia delle cure e peggiorare lo stato delle lesioni cutanee.

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione