Sulla pelle un superbatterio potenzialmente letale


22 Jan 2019 11:29 Rassegna stampa


Si annida sulla pelle di ogni essere umano della terra, ma sta diventando sempre più resistente agli antibiotici: è lo Staphylococcus epidermidis, un superbatterio di cui sono stati identificati i 61 geni capaci di trasformarlo da un innocuo microrganismo in un agente capace di provocare infezioni potenzialmente letali.

La scoperta dell'Università britannica di Bath è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications. Parente dell'Mrsa (Staphylococcus aureus resistente alla meticillina), il batterio che vive sulla pelle è una delle principali cause delle infezioni che avvengono dopo un intervento chirurgico, ma viene spesso ignorato proprio perchè è così abbondante.

Secondo la ricerca, coordinata da Sam Sheppard, dovrebbe invece essere preso molto più seriamente e andrebbero adottate particolari precauzioni per chi è ad alto rischio di infezione. I ricercatori hanno prelevato campioni da pazienti che avevano avuto infezioni dopo un intervento di sostituzione dell'anca o del ginocchio o di riduzione di una frattura, e poi li hanno confrontati con i campioni prelevati dalla pelle di volontari sani. Hanno paragonato le variazioni del genoma del batterio nelle persone sane e in quelle che avevano subito un'operazione chirugica.

In questo modo è stato possibile identificare 61 geni, che non erano presenti nei batteri delle persone sane, come responsabili dell'infezione. Sorprendentemente tra i volontari sani è stato trovato un piccolo gruppo portatore della forma più letale del batterio. I geni che causano la malattia aiutano il batterio a crescere nel flusso sanguigno, sfuggire al sistema immunitario e modificare la superficie delle cellule in modo che i microrganismi possano formare una pellicola e rendere lo S. epidermidis resistente agli antibiotici.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteAnsa
Titolo originaleSulla pelle di tutti un superbatterio potenzialmente letale
Link fonteLink articolo originale

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.

Ti è piaciuto questo contenuto?