Giovani dermatologi in Etiopia, per imparare sul campo


02 Dec 2019 01:03 Bacheca


In un mondo che cambia anche per i fenomeni migratori, i dermatologi devono affrontare nuove sfide.

Una di queste è imparare a riconoscere le malattie anche guardando alle specificità di chi vive o proviene dai Paesi tropicali: per questo la Sidemast (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse) eroga 4 borse di studio in Etiopia a giovani medici italiani, che impareranno sul campo.

Un'indagine della società scientifica ha permesso di osservare solo in Etiopia circa 76.000 casi di malattie dermatologiche o che coinvolgono la cute dal 2015 ad oggi.

Lupus eritematoso sistemico, dermatomiosite, sclerodermia, psoriasi, dermatite atopica sono frequenti.

Alta è l'incidenza di malattie su base genetica facilitata dai matrimoni tra consanguinei, come lo xeroderma pigmentoso.

Condizioni di povertà favoriscono malattie infettive come micosi, filariasi, tubercolosi cutanea e Aids.

Frequenti sono anche melanoma plantare, carcinoma baso-cellulare e squamo-cellulare.

L'assenza o ritardo nella diagnosi possono portare esiti talvolta fatali.

Va poi considerato che le patologie della pelle in questi Paesi assumono connotazioni specifiche, diverse da quelle occidentali.

I giovani specializzandi impareranno a riconoscere le lesioni cutanee spia di patologie internistiche, infettive o di natura neoplastica e a coglierne le peculiarità.

"Ad esempio - spiega il professor Aldo Morrone, direttore scientifico dell'Istituto San Gallicano di Roma - l'eritema non è rosso, ma brunastro o blu ardesiaco. È necessario quindi affinare lo sguardo. Inoltre la pelle scura non protegge dalle radiazioni ultraviolette. È necessario abituarsi a riconoscere i segnali di allarme e sfatare questa errata credenza".

"Il fenomeno migratorio- conclude Piergiacomo Calzavara Pinton, presidente Sidemast - è in crescita ed è nostro dovere fornire ai giovani medici gli strumenti necessari affinché siano in grado di garantire la migliore cura al paziente, qualunque sia la provenienza geografica".

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

Fonte(Ansa) da Federfarma
Titolo originaleGiovani dermatologi in Etiopia, per imparare sul campo; Da Sidemast 4 borse studio, per allenarsi a specificità malattie
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati migranti immigrazione borse di studio SIDeMaST patologie pelle malattie sessualmente trasmesse

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.

Ti è piaciuto questo contenuto?