Dermatite atopica. Impatto dirompente sulla qualità della vita di chi ne soffre


22 Jan 2019 11:39 Rassegna stampa


Tra le patologie dermatologiche, la dermatite atopica degli adulti, definita come malattia infiammatoria cronica immunomediata recidivante della pelle, è tra quelle aventi un elevato impatto sistemico e stigmatizzante per chi ne è affetto. La dermatite atopica ha un’incidenza compresa tra il 2 e il 5% della popolazione, di cui oltre il 50% è donna con, in media, 36 anni di età.

Dal punto di vista sistemico numerosi studi recenti documentano che i pazienti adulti affetti da dermatite atopica presentano diverse comorbidità, quali asma, rinite allergica, congiuntivite, allergie alimentari, malattie cardiovascolari e infezioni. Nella forma moderata-grave, l’impatto stigmatizzante si manifesta in misura anche dirompente, con lesioni, prurito e dolore, insonnia, ansia e depressione, che portano spesso all’impossibilità di svolgere attività quotidiane ed all’isolamento da qualsiasi rapporto intimo, sociale e lavorativo. Una patologia che, nelle forme gravi, visto il carico psicologico che grava sul malato, può anche portare, come sottolineato da Maurizio Pompili, professore di Psichiatria alla Sapienza di Roma, persino a pensieri suicidi.

Secondo i primi dati di uno studio condotto da Francesco Saverio Mennini, dell’Università Tor Vergata di Roma, il costo medio complessivo della dermatite atopica è compreso tra 4mila e 20mila euro l’anno (comprensivo dei costi legati alle visite specialistiche, out of pocket, ricoveri, farmaci, perdita di produttività). Tra i 40 ai 60 anni di età queso valore aumenta in maniera molto sensibile perché è in questa fascia che si concentra la popolazione in età lavorativa e quindi con maggiori costi dovuti alla perdita di produttività.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteQuotidiano Sanità
Titolo originaleDermatite atopica. Impatto dirompente sulla qualità della vita di chi ne soffre
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati dermatite atopica

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.

Ti è piaciuto questo contenuto?