State al sole, ma con le dovute precauzioni: sì alle creme di protezione, no alle lampade abbronzanti


25 Jul 2018 07:06 Rassegna stampa


State al sole, ma con le dovute precauzioni: sì alle creme di protezione, no alle lampade abbronzanti

Torino, 10 luglio 2018 - Stessa spiaggia e stesso mare. E anche stesse cautele. Con l’inizio dell’estate, non bisogna dimenticare che proteggersi dai raggi ultravioletti del sole, che però è necessario per la nostra salute.

L’esposizione ai raggi solari ha effetti positivi, come quello di stimolare la produzione di vitamina D, ma i raggi ultravioletti UVA e UVB contribuiscono alla formazione dei tumori della pelle. Raddoppia il rischio di sviluppare un melanoma cutaneo, uno dei tumori più frequenti in giovane età: in Italia è il terzo sotto i 50 anni. Grazie ai progressi nella ricerca, la sopravvivenza a 5 anni, però, è pari all’86,8%, fino al 93,6% nei pazienti giovani, con meno di 44 anni. Le principali istruzioni per l’uso, ci ricorda l’AIRC, Associazione Italiana Ricerca sul Cancro, sono quelle di evitare le ore più calde e comunque non esporsi a lungo d’estate.

Bisogna anche applicare più volte una crema solare con fattore di protezione superiore a 30; indossare delle protezioni come occhiali da sole, cappelli e magliette; non esporre direttamente al sole neonati e bambini piccoli. Infine, in ogni stagione, evitare le lampade abbronzanti perché aumentano il rischio di melanoma.

«I nuovi casi di melanoma nel 2007 erano 7mila; nel 2015 sono raddoppiati a 14mila. Il melanoma colpisce sempre più le fasce più giovani» ha affermato Paolo Ascierto, Direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori Fondazione “’G. Pascale” di Napoli al congresso mondiale dell’American Society of Clinical Oncology di Chicago.

(La Stampa) di Nicla Panciera

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati lampada UV

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.