Psoriasi, un caso su tre nei bambini. Conoscerla per diagnosticarla


24 Sep 2018 06:51 Rassegna stampa


Milano, 5 luglio 2018 - In circa un terzo dei casi la psoriasi ha esordio in età pediatrica, prevalentemente nelle bambine, tra i 7 e gli 11 anni.

Se è vero che la malattia, che interessa circa 2 milioni e mezzo di italiani, può presentarsi a qualsiasi età e che il picco di insorgenza si registra tra i 20 e i 40 anni, circa 70mila bambini e ragazzi nel nostro Paese devono fare i conti con questa malattia cronica infiammatoria della pelle.

“È importante che sia i genitori che i pediatri non trascurino eventuali lesioni cutanee, perché una diagnosi precoce e una corretta terapia sono fondamentali - dice Teresa Oranges, medico in Dermatologia Pediatrica dell’Ospedale Pediatrico Anna Meyer di Firenze e docente all’Università di Pisa -. Prurito e ‘chiazze’ possono creare fastidio e disagio”.

Durante il recente congresso nazionale della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) a Siracusa, una sessione del convegno è stata dedicata a questa patologia, che sembra in aumento fra adulti e bambini. Talvolta la psoriasi si manifesta dopo un evento scatenante.

“Nei bambini le infezioni intercorrenti possono essere fattori scatenanti, in particolare quelle da streptococco beta-emolitico di gruppo A per la forma guttata - conclude Oranges -. La patologia può essere scatenata anche da eventi stressanti o traumi meccanici (quali ferite). In quest’ultimo caso si verifica il cosiddetto ‘fenomeno di Koebner’, con grattamento dopo forte prurito. In questi casi è opportuno effettuare una visita specialistica di controllo”.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FonteCorriere
AutoriVera Martinella
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati psoriasi bambini

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.