In gravidanza l'olio di pesce riduce il rischio allergie per i bambini


22 marzo 2018 - 15:43Rassegna stampa


Assumere in gravidanza l'olio di pesce e gli integratori probiotici può ridurre il rischio di allergie infantili. Questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori dell'Imperial College di Londra in uno studio pubblicato su Plos. E' emerso, infatti, che le donne incinte che prendevano una capsula al giorno di olio di pesce dalle 20 settimane di gravidanza e poi nei primi tre o quattro mesi di allattamento, davano in eredità ai loro piccoli un rischio di allergie alle uova inferiore del 30 per cento. Inoltre gli studiosi hanno scoperto che l'assunzione di un integratore probiotico, tutti i giorni, dalle 36-38 settimane di gravidanza e nei primi tre o sei mesi di allattamento faceva ridurre il rischio di eczemi, nei bambini, del 22%.

"La nostra ricerca suggerisce che gli integratori di olio di pesce e probiotici possono ridurre il rischio di sviluppare una condizione allergica, e questi risultati devono essere considerati quando vengono aggiornate le linee guida per le donne in gravidanza", spiega Robert Boyle, del Dipartimento di medicina dell'Imperial College e principale autore dello studio che sottolinea anche come "le allergie alimentari e gli eczemi" siano "in crescita in tutto il mondo".

Inserito da segreteria SIDeMaST

La rassegna stampa contiene articoli di interesse dermatologico tratti da testate nazionali e non intende fornire una revisione critica né essere una fonte di notizie scientificamente validate. Si accettano (e sono bene graditi) commenti da parte dei soci esperti nel settore.

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione