E' aperto il FARE: Registro Italiano dell'Alopecia Fibrosante Frontale


05 giugno 2017 - 16:23News


centrostudigised.it/fare.html

L'alopecia fibrosante frontale (AFF), descritta per la prima volta da Kossard nel 1994, è un'alopecia cicatriziale che interessa selettivamente la regione dell'attaccatura frontotemporale dei capelli, ed è considerata una variante di lichen planopilare.

Clinicamente, l'AFF si manifesta con una banda di alopecia cicatriziale localizzata a livello dell'attaccatura frontale, temporale e parietale. La regione occipitale è coinvolta solo raramente. La cute della regione alopecica si distingue dalla cute della fronte per l'assenza di segni di fotoinvecchiamento. Le vene temporali sono spesso molto evidenti a causa dell'atrofia cutanea. La distanza fra la glabella e attaccatura dei capelli può arrivare fino a 9-10 cm (valori normali: 6-6,5 cm nelle femmine e 8-8,5 cm nei maschi). E' inoltre caratteristica la scomparsa dei peli del vello e dei peli intermedi a livello della nuova linea dell'attaccatura. I capelli dell'attaccatura mostrano lieve ipercheratosi perifollicolare talvolta associato a eritema.

Nel 50-75% dei pazienti, si osserva alopecia completa o parziale delle sopracciglia. Un'alopecia degli arti è frequente e spesso non riportata dal paziente. In alcune pazienti sono state descritte papule del volto, corrispondenti a un infiltrato infiammatorio a carico dei peli del vello.

L'istopatologia è simile a quella del lichen planopilare, con infiltrato infiammatorio linfocitario perifollicolare, localizzato a livello dell'istmo, scomparsa delle ghiandole sebacee e fibrosi lamellare perifollicolare, che nell'AFF colpiscono tipicamente i follicoli del vello e intermedi.

La tricoscopia mostra assenza di osti follicolari nella banda alopecica. I capelli che delimitano posteriormente l'alopecia mostrano manicotti peripilari ed eritema perifollicolare. E' frequente anche osservare pili torti e capelli fratturati a varia distanza dall'ostio follicolare. La progressione della malattia è generalmente lenta, ma è scarsa la risposta alle cure.

La prevalenza dell'AFF, che interessa più comunemente le donne dopo la menopausa, è in grande aumento in tutto il mondo. Nonostante questo, sono pochi gli studi che ne valutano l'epidemiologia, la patogenesi e i fattori scatenanti/causali. Il fatto che la malattia colpisca quasi esclusivamente il sesso femminile suggerisce che il fattore scatenante possa essere una sostanza chimica utilizzata prevalentemente o esclusivamente dalle donne, ma gli studi finora effettuati non hanno portato risultati evidenti.

Come inserire i pazienti con AFF nel registro?

I centri interessati a partecipare possono chiedere l'accreditamento a questo indirizzo: info@centrostudigised.it.

E' necessario poi raccogliere tutti i dati necessari relativi ad ogni singolo paziente che abbiamo raccolto in una scheda paziente.

Il registro "FARE" permetterà innanzitutto di valutare l'incidenza di questa malattia in Italia e verificarne l'aumento, che in particolare sembra interessare le donne giovani e i maschi. Potrà inoltre essere valutata la gravità e messa in rapporto ad altre variabili, quali durata, associazioni con altri segni clinici e con altre malattie. Verranno infine registrati i trattamenti più prescritti comunemente e la loro efficacia e tollerabilità così da poter fornire linee guida terapeutiche in futuro.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Download

Scheda paziente FARE

Scheda paziente del Registro Italiano dell'Alopecia Fibrosante Frontale

Download

Lascia un commento sul sito e rispondi all'autore

I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dalla segreteria.

Eventi SIDeMaST

Stato iscrizione