Alopecia Areata, spia di altre malattie autoimmuni


04 Dec 2018 02:28 Rassegna stampa


Non è una malattia rara, come si potrebbe pensare, perché interessa il 2% delle patologie dermatologiche, vale a dire 1 su 85 pazienti. Non fa distinzione di sesso, né di etnie, anche se predilige i giovani entro i trent’anni e raramente si manifesta dopo i 60.

L’alopecia areata, da non confondersi con quella definita androgenetica o "comune", che si manifesta in età adulta in percentuale maggiore nella popolazione maschile, principalmente per problemi ormonali ed ereditari, vede compromesso il sistema immunitario le cui cellule attaccano il follicolo pilifero, impedendogli di svolgere la sua funzione e di far crescere peli e capelli.

Non è ancora chiaro perché il sistema immunitario aggredisca i follicoli piliferi, ma generalmente vengono colpite persone con una particolare predisposizione genetica che si combina con altri fattori (stress psicologico severo, carenza di ferro, malnutrizione).

Si è visto, ad esempio, che l'alopecia areata è leggermente più comune nei pazienti con altri disordini immunitari, come tiroidite, lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, celiachia, vitiligine, diabete mellito di tipo I e varie forme di allergia.

Quello che si sa è che in entrambe le forme, areata e androgenica, non è una malattia contagiosa. Ma il grado di gravità è differente per la prima che facilmente compromette in modo significativo anche la salute psicologica.

È considerata ormai una patologia autoimmune, pertanto la sua terapia è di tipo immunologico. Il farmaco principe è sicuramente il cortisone, ma ci sono terapie che possono essere approcciate a seconda del paziente.

Inserito da segreteria SIDeMaST

Approfondimenti

FontePolicliniconews
Titolo originaleAlopecia Areata, spia di altre malattie autoimmuni
AutoriAlessandra Binazzi
Link fonteLink articolo originale
Argomenti correlati alopecia androgenetica lupus eritematoso vitiligine alopecia areata celiachia diabete

SIDeMaST è su Facebook

Segui la pagina e diffondi la cultura dermatologica condividendo i contenuti.